OPPOSIZIONI CONTRO IL GOVERNO. RENZI: “NON CI MANDERANNO A CASA” Il M5S presenta una mozione di sfiducia al governo in riferimento alla vicenda Guidi-Gemelli

738

Il M5S presenta una mozione di sfiducia a tutto il governo, in seguito alla vicenda dell’inchiesta sul petrolio in Basilicata che ha portato alle dimissioni del ministro Federica Guidi. Lo ha comunicato il parlamentare pemtastellato Luigi di Maio: “Chi vuole mandare a casa il governo Renzie? Tutti dicono di volerlo. La minoranza Pd lo vuole o vuole tenersi la poltrona? La Lega lo vuole? Tutti coloro che si oppongono a Renzi votino la nostra mozione!”. “Perché deve pagare solo il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, se l’emendamento incriminato è stato approvato dall’intero Governo all’interno della sua stessa legge di Stabilità? – rincara Beppe Grillo dal suo blog – È evidente il tentativo del Bomba di sviare l’attenzione sui rapporti famigliari tra la Guidi e il compagno Gianluca Gemelli”. Gemelli è indagato per concorso in corruzione e per millantato credito.

Dopo le dimissioni del ministro Guidi, anche gli altri partiti di opposizione sono andati all’attacco contro il Pd. Il Centrodestra ha annunciato una mozione di sfiducia al governo sottoscritta anche da Forza Italia, epresentata sia alla Camera che al Senato. Il premier Matteo Renzi ha annunciato una querela del Pd nei confronti di Beppe Grillo e Luigi Di Maio. E ha commentato: “Non ci manderanno a casa”.

Ospite alla trasmissione “In mezz’ora” di Lucia Annunziata, Renzi ha rivendicato la paternità del contestato emendamento a favore delle compagnie petrolifere oggetto delle intercettazioni telefoniche nell’ambito dell’inchiesta lucana. “Ho scelto io di afre questo emendamento”, ha dichiarato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS