GRAN PREMIO D’ARGENTINA, LA HONDA DOMINA LE PROVE LIBERE Marquez in pole, Rossi solo settimo, Lorenzo e Ducati lontani dai primi dieci

369
honda

La Honda è in pole davanti a tutti. La Yamaha rimane in ombra nella prima giornata di prove libere sul circuito di Rio Hondo, in Argentina, dove domenica va in scena il secondo atto del Mondiale MotoGp. Le espressioni tese di Valentino Rossi, solo settimo, e Jorge Lorenzo, addirittura 14/o al termine della seconda sessione, sono state il commento più eloquente in un venerdì che ha visto Marc Marquez e Dani Pedrosa rifilare loro oltre un secondo al giro.

C’è in teoria ancora tempo per raddrizzare la barca, ma per il momento i tempi dicono che alle Yamaha dovranno fare gli straordinari per stare al passo delle rivali e inoltre c’è il rischio che domani la pioggia stravolga tutti i piani. Anche in Ducati non si sorride: Andrea Dovizioso, migliore di tutti alla prima uscita, nel pomeriggio non è andato oltre il decimo posto, mentre Andrea Iannone è addirittura 15/o. Molto meglio di loro ha fatto Scott Redding, sesto con la Pramac.

Se nella prima gara stagionale c’era stata lotta serrata tra le prime forze del campionato, in Argentina la musica si prospetta diversa. La Honda è stata dominante – ufficiali a parte, Miller e Crutchlow hanno fatto il quarto e quinto tempo – grazie ad un buon equilibrio e le Yamaha si trovano a rincorrere, un po’ in difficoltà nel gestire le gomme specie su un tracciato bollente e piuttosto sporco come quello argentino. Buona giornata per le Suzuki, con Maverick Vinales autore del terzo tempo, a mezzo secondo dalle Honda.

Jorge Lorenzo, vincitore del primo Gp stagionale, è sulla corda, perché se domani la pioggia impedisse di migliorare i tempi si troverebbe escluso dai dieci ammessi automaticamente alla fase finale delle qualifiche. Il pilota, ancora incerto per il suo futuro, è intenzionato a fare il massimo bottino possibile nelle prime gare per trattare, Yamaha o Ducati che sia, da posizione di vantaggio, ma per ora le premesse non ci sono.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS