IL CEROTTO INTELLIGENTE CHE CURA IL DIABETE Realizzato dagli scienziati dell'Institute for Basic Science a Seoul, il dispositivo per ora è in fase sperimentale

1425
cerotto

Ottime notizie per chi soffre di diabete: presto sarà possibile monitorare in tempo reale i valori della glicemia e il rilascio controllato di farmaci. Secondo un articolo pubblicato sull’ultimo numero di “Nature Technology”,gli scienziati del Centro di ricerca sulle nanoparticelle dell’Institute for Basic Science a Seoul, in Corea del Sud, hanno progettato un dispositivo sperimentale in grado di gestire in modo molto meno invasivo il diabete, rispetto alle tecniche utilizzate attualmente.

Il “cerotto intelligente” integra dei sensori per la rilevazione del glucosio, del pH, dell’umidità e della temperatura nel sudore della pelle, con un sistema di somministrazione di farmaci contro il diabete basato su una serie di microaghi polimerici che rispondono al calore.

I sensori dell’apparecchio sono modellati su un foglio di grafene drogato con oro in modo da aumentarne l’attività elettrochimica e dare al dispositivo una maggiore selettività e sensibilità. Il cerotto è flessibile, resistente alle sollecitazioni meccaniche e semi-trasparente.

Il dispositivo è a sua volta collegato a un analizzatore elettrochimico portatile che trasferisce i dati acquisiti a un dispositivo mobile remoto, come uno smartphone o un tablet. Quando viene rilevato un elevato livello di glucosio viene attivato un riscaldatore incorporato nel cerotto che, scaldando i microaghi in materiale polimerico, permette il rilascio del farmaco. La quantità di farmaco liberato in questo modo è graduale e può essere variata regolando il numero di microaghi nel dispositivo.

Ci vorrà ancora del tempo prima che il dispositivo sia distribuito e messo in vendita, ma sono stati già condotti alcuni test preliminari su esseri umani che hanno dato un riscontro molto positivo e hanno confermato l’efficacia di questa nuova tecnica.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS