A SALERNO LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO SAN GIOVANNI PAOLO II I vincitori della prima edizione sono padre Ciro Benedettini, vicedirettore emerito della Sala Stampa della Santa Sede, con un premio alla carriera per essere stato il microfono di tre Pontefici, e i vaticanisti Stefania Falasca del quotidiano Avvenire e Fabio Marchese Ragona di Mediaset

403
giovanni paolo ii

Un premio per valorizzare il lavoro dei giornalisti impegnati nella comunicazione ecclesiale nel rispetto della deontologia professionale. E’ quello che la diocesi di Teggiano-Policastro si propone di fare attraverso l’istituzione del Premio san Giovanni Paolo II. L’evento è stato organizzato dalla Parrocchia di San Marco, guidata da don Vincenzo Gallo, dove è custodita la reliquia dei capelli del Papa santo.

La cerimonia di premiazione si svolgerà sabato 2 aprile 2016, anniversario della morte di Wojtyla, alle 18 nel centro parrocchiale a lui intitolato e sarà presieduta dal vescovo di Teggiano-Policastro, monsignor Antonio De Luca. I vincitori della prima edizione sono padre Ciro Benedettini, vicedirettore emerito della Sala Stampa della Santa Sede, con un premio alla carriera per essere stato il microfono di tre Pontefici: Karol Wojtyla, Joseph Ratzinger e Jorge Mario Bergoglio; e i vaticanisti Stefania Falasca del quotidiano Avvenire e Fabio Marchese Ragona di Mediaset. L’evento è sostenuto dalle Acli della provincia di Salerno che per l’occasione offriranno un aiuto concreto a una famiglia bisognosa della diocesi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS