CALCIO, LA GERMANIA BATTE L’ITALIA DOPO 21 ANNI Poker dei tedeschi all'Allianz Arena di Monaco di Baviera

617
italia

Germania-Italia termina 4-1: i tedeschi calano il poker all’Allianz Arena di Monaco di Baviera e travolgono gli azzurri sfatando, dopo quasi 21 anni, il mito Italia. L’ultimo successo della nazionale tedesca risaliva al giugno del 1995. Nel primo tempo gol di Kroos e Goetze, nella ripresa vanno a segno Hector, Ozil su rigore ed El Shaarawy.

Loew schiera un 3-4-3 speculare al modulo di Conte ma molto più efficace. Mueller fa il finto centravanti, Ozil e Kroos sono i due centrali di centrocampo e la cosa dice tutto sulla qualità cercata dai campioni del mondo. A mettere in crisi l’Italia è proprio la coppia tedesca. Unita al movimento continuo dei tre davanti, che non danno riferimenti: una volta erano i 10 azzurri a far impazzire le difese tedesche, disabituate all’imprevisto. Zaza non ha il peso di Pellè e fa soffrire anche i suoi compagni di tridente, deputati alla creatività.

Appena qualche minuto per il timore reverenziale e la Germania si prende la partita: a un ritmo neanche poi così frenetico eppure sufficiente a mandare sempre i centrocampisti azzurri fuori tempo. All’8′ la fiammata di Oezil, anticipato da Darmian su lancio di Rudy, è un segnale, cui l’Italia tenta di rispondere con analogo scambio tra Insigne e Bernardeschi: il primo è l’unico azzurro a trovare tempi e linee di passaggio giuste, il secondo sconta tutto il peso dell’esordio dal 1′.

Giaccherini deve rincorrere sulla sua fascia Rudy e Mueller ed è costretto al fallo da ammonizione, la Germania fa un giro palla infinito e aspetta solo il momento giusto. Che arriva al primo affondo vero, minuto 24: impressiona la facilità con la quale Mueller alza la testa per mettere al centro, la morbidezza di Bonucci che prova a deviare, il tempo concesso a Kroos per aggiustarsi il destro dell’1-0. L’onda dell’entusiasmo lancia gli attaccanti tedeschi: son solo tre ma sbucano da mille corridoi, Mueller sfiora il raddoppio, Buffon alza in angolo.

Un cross di Draxler attraversa pericoloso tutta l’area azzurra, ma è subito dopo che la Germania mostra il meglio di sè: cinque tocchi tutti di prima in verticale, da area ad area, lungo l’asse Kroos-Ozil-Mueller e Draxler al tiro impegna a terra il portiere azzurro. La prima palla decente per Insigne arriva al 32′, il destro sulla sponda di petto di Zaza è alto e così riprende il dominio tedesco. Fino al raddoppio a fine primo tempo, di nuovo Mueller comodo di crossare, di nuovo la difesa morbida e Goetze che anticipa: 2-0. Stavolta alla ripresa la

Montolivo avrebbe la palla giusta dopo 3′, ma spreca l’assist di Insigne; l’Italia prova a sfruttare la pausa che la Germania si prende, Bernardeschi in verticale costringe al fallo da ammonizione Hummels e sulla punizione i tiri di Zaza prima e Giaccherini poi sono tra il velleitario e lo sfortunato. Conte non cambia modulo, e un attimo prima di cambiare solo un interprete (De Silvestri per Florenzi) arriva il 3-0: merito di Draxler, con l’aiuto dell’infortunio di Bonucci che lo lancia all’assist per la battuta vincente di Hector.

Il difensore juventino esce in barella, per le preoccupazione di Allegri. E a quel punto, oltre all’ingresso obbligato di Ranocchia, il ct azzurro ne manda in campo tre: Okaka per Insigne, Parolo per Thiago Motta ed El Shaarawy per Giaccherini. Tra un tiro alto di Zaza e una punizione morbida di El Shaarawy, arriva il poker di Oezil su rigore, dopo che Rudy l’ha fatta da padrone in area italiana per poi essere atterrato da Buffon. C’è tempo per il gol della bandiera di El Shaarawy e per i tentativi di Okaka.

“Servivano questi test per fare delle valutazioni e verificare la nostra competitività; in questi giorni abbiamo incontrato i migliori, come Spagna e Germania. Abbiamo visto e lavorato, i ragazzi hanno dato quello che c’era da dare, adesso faremo le valutazioni”. E’ il commento del ct Conte dopo il ko. “Non c’erano trionfalismi dopo la Spagna, sappiamo che c’è un gap da colmare – ha aggiunto -. Adesso aspettiamo e cercheremo di prendere i migliori. Per giocare su ritmi alti, una certa intensità ce la devi avere nelle gambe. Qualcuno ha pagato lo sforzo di venerdì, lavoriamo e vediamo cosa accade. Rimangono dei giocatori che sicuramente fanno parte dell’Europeo – ha concluso il tecnico azzurro – vedremo il campionato e le indicazioni che ci darà, vedremo chi sta meglio e poi faremo le convocazioni. Il fatto che si sia fatto male Bonucci ha un po’ alterato la situazione delle sostituzioni”.

Il ct aveva detto, a poche ore dal match, di avere “sedici certezze su ventitre” per la lista di Euro 2016 che entro un mese e mezzo dovrà definire.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS