MINACCIA PYONGYANG: OBAMA INCONTRA I LEADER DELLA COREA DEL SUD E DEL GIAPPONE L'incontro avverrà ai margini del vertice per la sicurezza nucleare a Washington

960
obama

Il presidente Barack Obama terrà un incontro trilaterale con il presidente della Corea del sud, Park Geun-Hye, e il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, ai margini del vertice sulla sicurezza nucleare che si terrà a Washington nei prossimi giorni. “Questo incontro sarà l’occasione per i tre leader per discutere risposte comuni alla minaccia rappresentata dalla Corea del Nord e per avanzare le aree di cooperazione per la sicurezza trilaterale nella regione e nel mondo”, ha riferito la Casa Bianca. Al vertice parteciperanno decine di delegazioni da tutte le parti del mondo.

Obama ha deciso di incontrare i leader della Corea del sud e del Giappone a causa dei recenti test nucleari e annunci ufficiali da parte del leader della Corea del Nord, Kim Jong –un. Annunci che secondo gli esperti non sono così veritieri, ma che gli Usa hanno interpretato come una vera e propria minaccia alla sicurezza internazionale. All’inizio di questo mese, infatti, Pyongyang ha affermato di aver fatto molti progressi nello sviluppo di missili balistici, definendoli un vero e proprio successo. Vi è quindi ampio consenso sul fatto che la Corea del Nord stia facendo progressi costanti nella creazione di un missile balistico intercontinentale potenzialmente in grado di trasportare una bomba nucleare verso gli Stati Uniti.

Nel frattempo, la Corea del Nord ha etichettato il summit sulla sicurezza nucleare a Washington come un atto di ipocrisia “vergognoso”. L’agenzia di stampa ufficiale della Corea del Nord ha infatti diffuso un commento sul vertice: “Gli Stati Uniti e il suo burattino, la Corea del Sud, vogliono utilizzare il vertice come un mezzo per far aumentare le sanzioni contro il nostro Paese”

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS