GUATEMALA, AUTOBUS CADE IN UN BURRONE: 19 MORTI Tra le vittime, soprattutto donne e bambini

684
guatemala

Tragedia nel dipartimento di Sololà, nell’ovest del Guatemala. Un autobus è uscito di strada ed è caduto in un burrone di circa 50 metri provocando la morte di 19 persone, quasi tutte donne e bambini; altre 18 sono rimaste ferite, come confermato da un portavoce dei pompieri di Nahualà, la località vicino alla quale è avvenuto l’incidente. Secondo la ricostruzione della stampa locale, l’autobus proveniva da Tacanà, nel dipartimento di San Marcos, vicino alla frontiera con il Messico, e probabilmente trasportava più passeggeri del dovuto, il che ha compromesso il suo equilibrio e causato la rovinosa uscita di strada. Altre cause potrebbero essere l’eccessiva velocità del mezzo e la cattiva condizione del manto stradale.

In Guatemala si trova uno dei siti archeologici più belli, importanti e famosi di tutto il Centro America, il sito Unesco di Tikal, la più estesa delle antiche città in rovina e capitale dell’Impero Maya. Ma il Guatemala è anche un Paese segnato dal narcotraffico.La mafia guatemalteca era inizialmente impostata sul modello calabrese o siciliano, per famiglie. Col tempo, l’espansione in Guatemala dei cartelli messicani ne hanno modificato la struttura: la malavita si è corporativizzata per gruppi etnici. I maggiori settori d’interesse economico sono, oltre la droga, le armi che vanno in Honduras e in Salvador e la tratta di esseri umani, prima voce a bilancio delle mafie guatemalteche, strettamente legate allo sfruttamento del lavoro e della prostituzione; in particolare di donne e minori, anche provenienti dall’Est Europa.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS