BRINDISI CELEBRA MARIA SANTISSIMA DEL BELVEDERE

594
BELVEDERE

Le feste patronali in onore di Maria Santissima di Belvedere e della tradizione della “Nzegna”, a Carovigno (Brindisi), “prolungano” le celebrazioni della Pasqua, con festeggiamenti anche il martedì e il sabato dopo pasquetta, con gite “fuori le mura” e scampagnate (le cosiddette “cumminedde”) subito dopo l’ultima battitura della Nzegna.

Nel verde della Valle d’Itria, si trova il Santuario della Madonna del Belvedere, tappa finale del cosiddetto “corteo della ‘Nzegna”, che, con coreografie acrobatiche, ricorda la gioia del ritrovamento dell’icona della Vergine, l’affresco del Cinquecento ospitato nella cripta superiore, alla quale si accede da una scalinata di 47 gradini. Il gioco della Nzegna, colorato di vessilli e bandiere, è di antica tradizione.

A Vienna, invece, è conservato il noto dipinto cinquecentesco di Raffaello Sanzio dedicato alla “Madonna del Belvedere” (o “Madonna del Prato”). La data esatta in cui fu finito – 1506 – è impressa sull’orlo dell’abito della Vergine.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS