“UNA FOTO CON MANGO”: UNA MOSTRA PER RICORDARE IL CANTAUTORE L'artista morì di infarto durante un concerto al Palaercole di Policoro, in provincia di Matera, l'8 dicembre del 2014

807
mango

Il 19 marzo è stata inaugurata al Palaercole di Policoro, in provincia di Matera, “Una foto con Mango”, la mostra fotografica permanente dedicata al cantautore scomparso un anno e mezzo fa, vissuto per anni proprio nella cittadina lucana. L’evento si inserisce nel lavoro associativo svolto dalla World of Colors onlus, un associazione, sostenuta prima della sua morte dall’artista, e ora dalla moglie Laura Valente da sempre attenta alle questioni sociali e umane che si sviluppa attraverso una serie di eventi dall’alto contenuto culturale e artistico. La mostra fotografica “Una foto con Mango”, raccoglie tutte le foto che i fan hanno fatto con Pino Mango durante i suoi concerti e non e che poi hanno inviato via mail all’associazione che, a sua volta, le ha raccolte, selezionate e ora esposte permanentemente al pubblico.

Giuseppe Mango, classe ’54, è stato un noto cantautore, musicista e scrittore italiano noto per il suo stile inconfondibile che fondeva pop e rock con sonorità folk e world music, unito ad un uso strumentale della voce e un utilizzo raffinato delle ritmiche. Per la sua originalità sonora, è stato definito dal critico musicale Mario Luzzatto Fegiz come un “autentico innovatore della musica leggera italiana”. Nell’arco della sua attività, ha venduto oltre 5.000.000 di dischi e, oltre alla carriera solista, ha scritto brani per diversi artisti tra cui Patty Pravo, Andrea Bocelli, Loretta Goggi, Mietta e Loredana Bertè. Mango è stato colpito da un infarto mentre si trovava in concerto al Palaercole di Policoro, in provincia di Matera, durante l’esecuzione dell’ultimo brano in scaletta, “Oro”, uno dei suoi pezzi più celebri. L’artista muore prima dell’arrivo in ospedale l’8 dicembre 2014 a 60 anni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS