A FORTE DEI MARMI IN MOSTRA LA CINA DI MAO Curata da Massimo Scaringella, sarà visitabile a Villa Bertelli (LU) dal 19 marzo al 17 aprile

758

“Ottantanove poster selezionati fra i 3000 della Hafnia Foundation di Xiamen con l’obiettivo di far conoscere la Cina di ieri e quella di oggi”. Sono le parole di Massimo Scaringella, curatore della mostra “Cina rivoluzione – evoluzione. Manifesti della Propaganda (1949 – 1983)” in esposizione a Villa Bertelli a Forte dei Marmi (LU) dal 19 marzo al 17 aprile, per la prima volta in Europa dopo il successo riscosso a Buenos Aires e a Santiago del Cile. L’originale esposizione propone al visitatore manifesti e i dipinti originali utilizzati come modelli per fogli stampati durante il periodo di presidenza al Partito Comunista di Mao Tse Tung e della Rivoluzione Culturale tra gli anni 1949 e 1983, selezionati da una delle più grandi collezioni del mondo, la Hafnia Foundation.

Ad allietare gli splendidi saloni di Villa Bertelli, l’atmosfera dei soggetti proposti: un trionfo di gioia, serenità, lode della famiglia, pupi paffuti, campi ricchi di raccolti e – forse a sorpresa – di esaltazione della donna non più raffigurata solo come madre e fattrice prolifica, ma anche come operaia, contadina nonché rivoluzionaria con tanto di mitra; il tutto in uno sgargiante technicolor. Società, industria, socialismo, pittura le sezioni in cui si articola la mostra, che si dipana lungo il percorso storico e socio-culturale di un Paese mai stato vicino al nostro come oggi e che, grazie ai manifesti pubblicitari di propaganda, non sembra poi tanto diverso dal cosiddetto Occidente. Lo stesso Mao spiegava, nel lontano ’42, che “L’arte per l’arte, l’arte al di sopra delle classi, l’arte al di fuori della politica e indipendente da essa in realtà non esiste” poiché “ogni cultura, ogni letteratura, ogni forma d’arte appartengono a una classe ben determinata e sono quindi vincolate a una determinata politica”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS