SINGAPORE: 1127 CATECUMENI BATTEZZATI LA DOMENICA DI PASQUA Negli ultimi anni a Singapore si è registrato un notevole aumento della popolazione "religiosa"

464
singapore

Sono 1127 i catecumeni di Singapore che riceveranno il battesimo domani, la domenica di Pasqua, entrando a far parte di una grandissima comunità che conta circa 196 mila persone, una delle più numerose e vice del sud-est asiatico.

Il percorso che porta al battesimo – chiamato Rito all’iniziazione cristiana per adulti – dura circa un anno prevede un incontro settimanale con altri catecumeni, laici e un sacerdote. Durante il percorso di introduzione alla fede, ogni catecumeno è accompagnato da un “padrino” che ha il compito di supportare il fedele e aiutarlo fino al raggiungimento del battesimo.

“Quest’anno abbiamo 992 nuovi catecumeni – ha dichiarato l’arcivescovo mons. William Goh Chye Seng –, che significa un aumento del 17% rispetto allo scorso anno. Tuttavia possiamo fare di meglio, dobbiamo lavorare di più. Non per raggiungere una cifra, ma per diffondere il messaggio di amore e misericordia del Vangelo”.

Negli ultimi anni a Singapore si è registrato un notevole aumento della popolazione “religiosa”: assieme ai nuovi credenti, però, stanno aumentando anche quelli che, pur definendosi “religiosi”, non credono in nessuna religione in particolare. In soli 5 anni- tra il 2010 e il 2015 – su una popolazione totale di 5,4 milioni di persone, il cristianesimo è stata l’unica fede a espandersi: dal 18,3% è arrivata a toccare il 18,8%. I buddisti sono ancora i fedeli più numerosi, ma sono in calo: dal 44,2% sono scesi al 43,2%. Anche i musulmani (dal 14,7% al 14%) e gli indù (dal 5,1% al 5%) hanno registrato un lieve calo, mentre i cittadini “religiosi, ma senza fede” sono passati dal 17% al 18,5%.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS