ITALRUGBY, UFFICIALIZZATO L’ADDIO DEL CT BRUNEL L'ex allenatore: "E' stata una grande esperienza. lascio una squadra che ha voglia di imporsi"

506
italrugby brunel

La Federazione Italiana Rugby ha ufficializzato “la conclusione del rapporto di collaborazione” con Jacques Brunel, che lascia il ruolo di Commissario Tecnico della Nazionale. “A nome di tutto il rugby italiano voglio ringraziare Brunel e Philippe Berot per il lavoro svolto”, ha dichiarato il presidente Alfredo Gavazzi. “E’ stata una grande esperienza umana e professionale. Lascio un’Italia con la voglia di scendere in campo per imporre”, ha spiegato Brunel.

Per l’Italia si conclude l’era Brunel. “Ringrazio la Federazione per avermi dato questa possibilità e per avermi sostenuto in queste cinque stagioni – ha spiegato l’ex ct, che aveva prese l’incarico di Commissario Tecnico dopo la Rugby World Cup del 2011 -. Volevamo dare a questa Nazionale un equilibrio nel gioco e l’ambizione di sfidare ogni avversario: non sempre abbiamo giocato il rugby che avremmo voluto, ma lascio una squadra che scende in campo per imporre qualcosa nei confronti dell’avversario. Un vecchio giocatore una volta mi ha detto che il rugby è uno sport dove c’è un pallone e ci sono gli uomini: quando non c’è più il pallone, rimangono gli uomini – ha aggiunto -. Porterò sempre con me il ricordo del rugby italiano e delle persone che sono state al mio fianco in questa avventura”.

Al momento non è ancora chiaro chi lo sostituirà sulla panchina azzurra, ma Gavazzi ha già un’idea precisa: “Vogliamo sia giovane, con esperienza di alto livello e nella formazione giovanile”. Grandi speranze ed energie verranno riposte in tutto il nuovo staff. “Ci sarà anche un responsabile giovanili e accademie e un tecnico per calci e tre quarti – ha precisato il presidente della Fir -. E arriveremo ad avere una persona italiana. Il cambio generazionale tra i giocatori è avvenuto prima del previsto. Il futuro lo abbiamo già abbracciato: a brevissimo sarà comunicato il nuovo ct”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS