DOMANDE CHE INQUIETANO

3793
  • English
charlie

Molti in queste ore si chiedono come sia possibile che un Paese ad alto rischio come il Belgio possa avere sottovalutato i segnali che da tempo arrivavano su un possibile attacco jihadista a Bruxelles. Siamo sbalorditi dall’efficacia dei terroristi e, nello stesso tempo, dall’inefficienza di chi poteva monitorare e, quindi, prevenire stragi che hanno colpito obiettivi sensibili, quali aeroporti e metropolitane. Non è facile avere il pieno controllo del territorio, ma nei giorni che seguivano l’arresto di Salah Abdeslam l’attenzione avrebbe dovuto essere massima.

Per mesi, la mente delle stragi di Parigi era riuscita a nascondersi nel suo quartiere. Ciò significa che godeva di protezioni non indifferenti in una città controllata a tappeto. Tutto questo appare incredibile agli occhi dei cittadini europei, che non si capacitano di come le grandi Intelligence occidentali non riescano a fermare questi criminali. L’Unione Europea, da parte sua, paga lo scotto delle sue divisioni su tutti i fronti, compreso quello della sicurezza che, invece, dovrebbe essere in cima alle sue priorità.

Questa stagione sembra soltanto all’inizio di un tempo in cui si cercherà sempre più di mettere una religione contro l’altra. E’ vero che la persecuzione dei cristiani è in aumento in moltissime parti del mondo, ma questo rivela il problema politico di un sistema incapace di valorizzare le diversità e proteso soltanto a usare ogni cosa per il raggiungimento dei profitti. Un ingranaggio diabolico è alla base di queste perverse e orribili sciagure, dove sono sempre gli innocenti a pagare. Non basta più il solito compianto dei politici. Occorre proseguire la lotta contro chi promuove il terrore anche sul piano ideologico. Qualunque linguaggio che adotti la violenza non aiuterà mai a riconciliare i popoli. La risposta al jihad non sarà promuovere la vendetta: l’unica “arma” da usare è quella della pace.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

4 COMMENTS

  1. Penso che satana abbia preso il sopravvento sull’umanità troppe sciagure troppe tragedie io sono sicura che Dio non vuole questo! Ma Pace non c’è ne più

  2. Confermo, parola per parola, quanto ci riferiscono da Bruxelles i nostri eurodeputati a proposito di Molenbeek. Solo mi chiedo come mai non se ne siano accorti prima.
    Ci sono passato in macchina alcuni anni fa.
    Se mi avessero portato là con gli occhi bendati, avrei creduto di essere a Rabat o ad Algeri.
    Infatti Molenbeek è una specie di enclave islamica in terra cristiana: donne velate, macellerie halal, moschee, venditori di kebab.
    Proprio il tipo di comunità che piacerebbe tanto alla nostra Laura Boldrini ed in cui, se continuiamo di questo passo, vivranno i nostri nipoti.
    Meno male che io non ci sarò più.

  3. Quello che io penso è che è tutto ben pianificato e studiato a tavolino da tutte le economie occidentali insieme ai governi conniventi. Tutto questo ha uno scopo ben preciso ovvero di creare una polizia internazionale, un tribunale internazionale, delle leggi antiterrorismo (fasulle) internazionali che ci leveranno ogni libertà. Dietro a tutto questo c’è solo un obiettivo ovvero, una volta sottomessa la popolazione europea da un punto di vista economico con l’euro, non resta che sottometterlo sotto una nuova dittatura mascherata da “sicurezza” per poter manipolare l’Europa. e gli europei. C’è molto di più e questa è solo la punte dell’iceberg. Non dimentichiamoci che l’ISIS è stato creato dagli Stati Uniti.

  4. Satana sta avendo la meglio, e’ il suo tempo..non credo ,che ne mano ,ne mente di uomo potra’ fermare
    tanto male.
    L’umanita’ verra’ sommersa dall’inquietudine solo allora alzera’ gli occhi al Cielo e comincera’ a pregare.
    La Madonna non sa piu’ come dirlo, se solo ascoltassimo.

LEAVE A REPLY