MILANO OSPITA L’ARTE DI JOAN MIRÒ Dal 25 marzo all'11 settembre il Mudec esporrà 100 opere del poliedrico artista catalano

1591
mirò

Milano ospiterà l’arte colorata e sognate di Joan Mirò, uno degli artisti spagnoli più amati in tutto il mondo. Dal 25 marzo all’ 11 settembre il Museo delle Culture allestirà la mostra “Joan Mirò: la forza della materia”, curata da Teresa Montaner e dalla Fundaciò Joan Mirò di Barcellona.

Proprio da Barcellona arrivano le 100 opere che saranno presentate in questa rassegna, quadri e sculture che vanno dal 1931, anno in cui l’artista tornò a Barcellona dopo un decennio di soggiorno a Parigi, al 1981, due anni prima della sua morte.

Sarà la materia la protagonista di questa mostra: la sperimentazione di nuovi materiali  ha caratterizzato gran parte dell’opera del celebre artista catalano, che seppe coniugare fantasia e colore, creando un’arte unica e originale, spaziando dalla pittura alla ceramica, dalla scultura all’incisione.

Mirò iniziò a dedicarsi all’arte da piccolissimo, quando aveva circa 8 anni. Nel 1920 si trasferì a Parigi, dove entrò in contatto con la vivacissima comunità artistica di Montparnasse. Nella capitale francese, Mirò ebbe l’occasione di incontrare e lavorare con artisti del calibro di Picasso, Chagall, Modigliani, Salvador Dalì e Max Ernst, con il quale condivise l’interesse per il Surrealismo, divenendone uno degli esponenti più radicali. L’esperienza parigina influenzò il suo modo di vedere l’arte e tutta la sua produzione.

Morto all’età di 90 anni, Joan Mirò è oggi considerato uno dei maggiori artisti del Novecento, un uomo che creò un’arte simbolica e surreale, caratterizzata da colori e fantasiose figure svolazzanti. le sue opere hanno la capacità di conquistare tutti, arrivando sia al cuore, sia alla mente del pubblico.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS