F1 D’AUSTRALIA, SUL PODIO LE MERCEDES. INCIDENTE PER ALONSO Sul palco anche Hamilton e Vettel, per molto tempo primo in gara

598
F1

Nel primo Gran Premio di Formula1 del 2016, sul podio di Melbourne salgono le due Mercedes seguite dalla Ferrari. Sul gradino più alto c’è Nico Rosberg, che vince la prima gara della stagione di F1 all’Albert Park, precedendo il compagno e campione del mondo Lewis Hamilton. Terza posizione per Sebastian Vettel. Quarta posizione per Daniel Ricciardo, sulla Red Bull, che ha preceduto la Williams di Massa e la Haas di Grosjean. Settima la Force India di Hulkenberg davanti all’altra Williams di Bottas e alla Toro Rosso di Sainz Junior. Chiude la top ten l’altra Toro Rosso di Verstappen che ha preceduto la Renault di Palmer.

Dopo 23 giri si è invece ritirato Raikkonen, per problemi al motore della sua Ferrari. Mentre tornava ai box, con una nuvola di fumo dal posteriore, la Rossa del finlandese ha preso fuoco. I meccanici del Cavallino Rampante, tuttavia, sono lesti a spegnere sul nascere il piccolo incendio sulla Sf16-h. Brividi di paura al diciottesimo giro, quando la McLaren di Fernando Alonso ha speronato la Haas di Gutierrez, finendo fuori strada, accappottandosi e andando in pezzi. Il pilota spagnolo ne è uscito, illeso ma la sua vettura è completamente distrutta. Sul circuito di F1 ecco spuntare la bandiera rossa: Gp interrotto con la Ferrari di Vettel che era al comando della gara. La gara riparte dopo circa venti minuti.

“E’ stato un impatto forte, è difficile dire chi ha sbagliato, forse ho frenato tardi, è stata una combinazione di cose”. E’ il commento di Alonso ai microfoni di Sky, che cos racconta le fasi del terribile incidente: “La cosa più importante è che stiamo tutti e due bene e stiamo qui a parlare con voi. Ho avuto molta paura, vedi solo il cielo e la terra. Sapevo che mia madre vedeva la tv e sono uscito subito dall’abitacolo. Sono qui grazie alla McLaren che ha fatto una macchina molto robusta e alle regole della Fia sulla sicurezza. Qualche anno fa questo sarebbe stato un incidente con conseguenze molto più serie. Ho cercato di fare il massimo – conclude il pilota spagnolo – forse ho frenato tardi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS