BANCHE: GOVERNO AL LAVORO PER AUMENTARE IL FONDO DI SOLIDARIETA’ Allo studio dell'esecutivo la cifra e il tipo di provvedimento che modificherebbe la legge si stabilità

768
banca etruria

Tecnici e politici del governo starebbero vagliando la possibilità di aumentare il fondo di solidarietà da 100 milioni istituito nella legge di stabilità con una nuova iniezione di risorse private, provenienti dal mondo bancario. I tempi lunghi nella messa a punto del decreto ministeriale e del Dpcm previsti in manovra ed attesi entro il 31 marzo sarebbero legato proprio alla volontà politica, avallata anche dagli istituti di credito, di accrescere la dotazione del fondo, in modo da risarcire più persone possibile.

Al momento si starebbe ancora valutando la cifra ed anche in quale tipo di provvedimento inserire la norma di legge necessaria per modificare la legge di stabilità. E’ certo però che le risorse aggiuntive arriveranno ancora una volta dal sistema, come già accaduto per i primi 100 milioni provenienti dal Fondo interbancario per la tutela dei depositi. Il ricorso a fondi pubblici sarebbe infatti bloccato dall’Unione europea, che lo boccerebbe senza discussione. In attesa di capire dove si orienteranno le scelte, le associazioni dei consumatori e “le vittime del salvabanche” continuano intanto il loro pressing.

“L’ennesima odierna tegola giudiziaria sugli ex amministratori di Banca Etruria, dovrebbe indurre il governo a non perdere più tempo per risarcire le vittime, sempre più arrabbiate”, affermano Adusbef e Federconsumatori, dicendosi pronte a continuare le battaglie anche in sede civile e penale, “per far ottenere ai truffati i rimborsi integrali dei propri risparmi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS