IL SANTO PADRE: “ESSERE VESCOVO E’ UN SERVIZIO NON UN ONORE” Durante l'ordinazione di mons. Miguel Angel Ayuso Guixot e mons. Peter Brian Wellsnon ha ricordato il vero significato dell'episcopato

641
papa vescovo

Essere vescovo è “un servizio” non “un onore”. Lo ha ricordato Papa Francesco nella messa con cui ha impartito l’ordinazione episcopale a mons. Miguel Angel Ayuso Guixot e mons. Peter Brian Wellsnon. “Siate servitori di tutti – è stato l’invito di Bergoglio – dei più piccoli, di tutti, ma sempre servitori, al servizio”. Cristo che predica, ha aggiunto, “Cristo che fa la Chiesa feconda, Cristo chi guida, questo è il vescovo”. Subito dopo aver predicato l’omelia, papa Bergoglio ha rivolto ai due candidati all’episcopato le domande di rito.

“Dietro ogni carta – ha detto il Pontefice – c’è una persona, dietro ogni lettera che voi riceverete c’è una persona, che quella persona sia conosciuta da voi, e che voi siate capaci di conoscerla”. Il Santo Padre ha invitato i nuovi vescovi ad amare “con amore di padre e di fratello tutti coloro che Dio vi affida, anzitutto i presbiteri; fa piangere quando tu senti che un presbitero ha chiesto di parlare con il suo vescovo e la segretaria il segretario gli ha detto che ‘ha tanto da fare e non ti potrà ricevere’, il primo prossimo del vescovo è il suo presbitero, il primo prossimo, se tu non ami il primo prossimo, non sarai capace di amare”.

Papa Bergoglio ha inoltre sottolineato: “non dimenticatevi – ha detto, il primo compito de vescovo è la preghiera, questo lo ha detto Pietro il giorno della elezione dei sette diaconi, il secondo compito è l’annunzio della parola, poi vedremo gli altri, ma il primo è la preghiera, se un vescovo non prega non potrà fare nulla.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS