OFFENSIVA SIRIANA SU PALMIRA: DECINE DI RAID CONTRO IL CALIFFATO L'aeronautica governativa, coadiuvata da quella russa, ha colpito soprattutto nei pressi dell'aeroporto

631

Prosegue l’offensiva del regime siriano su Palmira. Decine di raid aerei russi e governativi si sono concentrati nelle ultime ore attorno al sito archeologico caduto nelle mani del Califfato. Lo riferiscono fonti locali secondo cui i caccia hanno colpito soprattutto nella parte orientale e verso l’aeroporto di Palmira. Non si hanno notizie di vittime o di danni ma è impossibile verificare sul terreno le testimonianze.

Palmira è da mesi occupata dall’Isis e la barbara uccisione del suo guardiano, lo studioso di antichità Khaled Asaad, è stato l’ennesimo duro colpo per l’antica città semita situata nel centro della Siria. Lo storico è stato decapitato in agosto sulla pubblica piazza, davanti al museo che per decenni ha diretto, e il suo cadavere appeso ad una colonna romana. Prima dell’ingresso in città degli uomini del Califfato, l’ex direttore aveva collaborato all’evacuazione dei reperti conservati nel museo. Proprio questo intervento potrebbe essere stato all’origine dell’arresto di Al Asaad, e poi della sua uccisione.

Il sito è caduto nelle mani del Daesh lo scorso 20 maggio e da allora è stato usato come palcoscenico per efferatezze e violenze. Un video diffuso all’inizio di luglio dall’ong Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), vengono mostrate immagini scioccanti: venticinque soldati siriani inginocchiati, alle loro spalle altrettanti giovani, alcuni ragazzini di forse 13 o 14 anni, che li uccidono con un colpo alla nuca mentre sulle gradinate dell’anfiteatro si vedono centinaia di uomini in abiti civili che assistono. Dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità la città fiorì nell’antichità come punto di sosta per le carovane di viaggiatori e mercanti che attraversavano il deserto siriano ed ebbe un notevole sviluppo fra il I ed il III secolo d. Cristo. Per questo motivo fu soprannominata la “Sposa del deserto”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS