GIORNATA MONDIALE DEL SONNO: DORMIRE FA BENE ALLA SALUTE

746
sonno

E’ un elemento fondamentale della vita di ogni persona, eppure oggi, il sonno, sembra non essere così importante. Si dorme sempre di meno, tanto che sono almeno 9 milioni gli italiani che soffrono di insonnia cronica. Ed è importante per scongiurare varie malattie ed anche pesanti conseguenze sociali, a partire dagli incidenti stradali. Per puntare i riflettori sull’importanza del sano riposo notturno, si celebra il 18 marzo la Giornata Mondiale del Sonno.

Negli ultimi 50 anni, si è registrata una riduzione giornaliera di circa 1,5-2 ore. Questa assenza è causa già il giorno seguente di stanchezza, deficit di concentrazione e di memoria, disturbi dell’umore. Una riduzione di sonno cronica, inoltre, contribuisce ad obesità, diabete, ipercolesterolemia, depressione ed è tra le cause di disturbi quali infarto e ictus. Nei bambini, poi, la carenza di sonno è anche responsabile di deficit nello sviluppo psicofisico, difficoltà di socializzazione e di alimentazione.

“In giornate sempre più lunghe e fitte di impegni – spiega Pierluigi Innocenti, neurologo e presidente dell’Associazione scientifica per la cura dei disturbi del sonno (Assirem) – la necessaria attenzione al riposo è sempre più carente perché considerato come un momento di ‘vita perso’. Molte importanti funzioni invece si svolgono prevalentemente durante il sonno, come la produzione di alcuni ormoni e il consolidamento della memoria. E non meno gravi sono le conseguenze sociali dei disturbi del sonno, basti pensare ai colpi di sonno alla guida o sul lavoro causa spesso di incidenti mortali”.

Tra le iniziative per la Giornata, l’Assirem, in collaborazione con il Centro commerciale Porte di Roma, e il patrocinio di varie società come l’Associazione Italiana Medicina del Sonno, realizzerà a Roma fino al 20 marzo un percorso educativo nella Medicina del Riposo, durante il quale gli esperti risponderanno alle domande dei cittadini, saranno distribuiti questionari e materiale informativo, spiegate le caratteristiche delle patologie e gli eventuali trattamenti sanitari.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS