BERGOGLIO RICEVE IN UDIENZA IL CAMMINO NEOCATECUMENALE Il Pontefice incontrerà le 250 famiglie che saranno inviate all'evangelizzazione

901
  • English
neocatecumenale

Si svolgerà oggi, in Aula Paolo VI,  l’udienza con la quale Papa Francesco riceverà il Cammino Neocatecumenale, 250 famiglie provenienti dai cinque continenti in missione. L’incontro si aprirà con una presentazione Kiko Arguello, responsabile internazionale del Cammino Neocatecumenale in tutto il mondo.

Arguello sarà accompagnato dall’altra iniziatrice Carmen Hernández e da don Mario Pezzi. All’udienza saranno presenti anche 7 mila membri del Cammino e le 250 famiglie che saranno inviate dal Papa all’evangelizzazione. Queste riceveranno la destinazione in questa stessa settimana, nel corso di una convivenza internazionale in Italia, dove si costituiranno anche ciascuna delle nuove “missio ad gentes”. Hanno inoltre confermato la loro presenza diversi cardinali e vescovi di tutto il mondo. Le “missio ad gentes” si formano su richiesta dei vescovi delle diocesi a cui sono destinate e sono formate da quattro o cinque famiglie, un sacerdote, un ragazzo e due donne.

Tra le destinazioni in Europa verso cui partiranno alcune di queste famiglie, ci sono diverse città della Francia. Altri Paesi in cui le famiglie andranno a evangelizzare saranno Lussemburgo, Irlanda, Svezia, Gran Bretagna, Lituania, Lettonia, Repubblica Ceca e Germania, Olanda, Svizzera, Cipro, Serbia, Austria, Ucraina, Russia, Kazakistan.

In America le famiglie sono state chiamate in Canada, Stati Uniti, Perù e Brasile. In Asia per India e Cina. In Oceania per Australia e Papua Nuova Guinea, mentre in Africa alcune di queste “missio ad gentes” si formeranno per Etiopia e Costa d’Avorio, oltre a Sudafrica, Guinea Equatoriale e Nigeria.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS