RIAPRE AL PUBBLICO SANTA MARIA ANTIQUA, 1200 ANNI DI AFFRESCHI Torna visibile, per prima volta, l'icona della Madonna sepolta da terremoto del 847

1082
maria

Anche l’antica Roma aveva la sua “Cappella Sistina”. Una basilica dedicata alla Vergine Maria, situata nella zona della Rampa Imperiale del colle Palatino, nel Foro, al suo interno racchiude centinaia di affreschi e marmi antichissimi. E dopo 1.200 anni torna l’originaria icona della “Madonna” nella chiesa di Santa Maria Antiqua, allestita all’interno di un percorso espositivo che per la prima volta abbraccia l’intero complesso cristiano dei Fori e la Rampa Imperiale. Rimasta sepolta per dodici secoli (dopo il terremoto dell’847), la chiesa si racconta attraverso straordinari busti in marmo, mosaici, reperti e i meravigliosi affreschi che proprio le macerie provocate dal sisma hanno preservato dalla furia iconoclasta.

Con il titolo “Santa Maria Antiqua tra Roma e Bisanzio”, questa prima importante rassegna incentrata sul sito, rimasto impraticabile e chiuso al pubblico per molti decenni, “Offre a romani e turisti una nuova visione del Palatino”, ha detto il soprintendente Francesco Prosperetti, che ha anche voluto ricordare il lungo impegno trentennale per il restauro dei cicli pittorici della chiesa, così belli e complessi da far parlare di “Sistina medievale”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS