A TORINO UN FESTIVAL DEDICATO AD ALFREDO CASELLA Dal'11 al 24 aprile Torino ospiterà numerosi eventi culturali in omaggio al grande musicista

620
alfredo casella

Alfredo Casella, compositore, pianista e direttore d’orchestra avrà un suo festival a Torino. L’idea è stata realizzata grazie alla convergenza delle più importanti realtà culturali del capoluogo piemontese: il Teatro Regio, l’Orchestra Filarmonica della Rai, il Museo del Cinema e l’Accademia Stefano Tempia, che si sono uniti per dare vita a un vero e proprio evento unico, che celebra uno dei personaggi più importanti del Novecento musicale. Dall’11 al 24 aprile, quindi, la città si prepara a ospitare numerosi eventi all’insegna della cultura e della musica.

Nato nel capoluogo piemontese nel 1883, Casella “è stato il più importante compositore torinese, nonché uno dei maggiori autori italiani”, lo ha dichiarato Gaston Fournier-Facio, direttore artistico del Teatro Regio. “Erano anni che la città voleva realizzare un festival in suo onore – ha detto il direttore – un progetto che ho sposato subito, quando sono arrivato al Regio nel 2014”. Casella iniziò a studiare pianoforte sin da piccolo, spinto dalla passione della madre per la musica classica. Arrivato a 13 anni al Conservatorio di Parigi, studierà con i grandi nomi della musica del ‘900: pianoforte con Diémer e composizione con Gabriel Fauré insieme a Maurice Ravel.

Il Festival Alfredo casella prevederà numerosi appuntamenti, tra i quali la mostra fotografica ‘”Casella intimo”, allestita proprio all’interno del Teatro Regio e a cura di Simone Solinas. Lo Stabile, invece, porterà in scena l’opera “La donna serpente” diretta da Gianandrea Noseda con la regia di Valter Malosti. Il Museo del Cinema presenterà, invece, “Pagine di guerra”, un documentario con le musiche di Casella mentre l’Orchestra Sinfonica Rai dedicherà un concerto al musicista torinese.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS