“PER LE DONNE CROCIFISSE”, IL VIDEO DI TV2000

963

Sempre vicina alle manifestazioni di carattere religioso, Tv2000 ha raccontato con grande professionalità e partecipazione la Via Crucis “Per le Donne Crocifisse”, organizzata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII; una rappresentazione teatrale, in abiti d’epoca, di quelle che furono le ultime ore di Gesù. Un calvario per certi versi simile a quello che provano migliaia di ragazze che ogni anno sono costrette a lasciare la propria terra per diventare vittime della tratta. Una via crucis vivente coinvolgente, grazie anche alla partecipazione di attori e musicisti, quali Beatrice Fazi, Giovanni Scifoni, Giusy Buscemi, Cristina Odasso, Claudio Morici, Simone Bobini, Matteo  Pelle, Giovanni Galati, Fabio Inchingolo e altri ancora. La sensibilità del direttore, Paolo Ruffini, del canale televisivo dei vescovi italiani ha permesso anche a chi non era a Roma di ascoltare la testimonianza diretta delle ragazze che hanno vissuto sulla propria pelle la condizione di schiavitù, che anche oggi esiste, nelle nostre città.
CLICCA SULLA FRECCETTA PER VEDERE

Anche Papa Francesco, sempre attento alle esigenze degli ultimi, non ha fatto mancare la sua presenza e il suo tenero abbraccio, prima annunciando l’appuntamento durante l’Angelus, e poi grazie alla partecipazione del Cardinal Vicario Agostino Vallini, che ha portato la benedizione di Bergoglio, ricordando le sue parole: “Mi ha sempre addolorato la situazione di coloro che sono oggetto delle diverse forme di tratta di persone. Vorrei che si ascoltasse il grido di Dio che chiede a tutti noi: ‘Dov’è tuo fratello?'”.

Movimenti e associazioni, come il Rinnovamento nello Spirito e l’Azione Cattolica, i Neocatecumenali, o esponenti di spicco del mondo cattolico come padre Maurizio Botta e don Fabio Rosini, sono intervenuti con discorsi e catechesi, che grazie alle telecamere di Tv2000 sono riusciti a raggiungere anche le case di tante famiglie, gridando all’unisono: “Basta schiavitù!”

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY