OGGI È LA GIORNATA DELL’ UNITÀ NAZIONALE

660
unità

Il 17 marzo si celebra la “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera”, una grande festa civile approvata in maniera definitiva dal Senato l’8 novembre del 2012. Dopo il successo ottenuto per le celebrazioni dei 150 anni di unità nazionale nel 2011, è stato deciso che la Giornata che commemora l’unità d’Italia dovesse avere una cadenza annuale.

La festa è nata in occasione della ricorrenza della proclamazione del Regno d’Italia. 155 anni fa, infatti, Vittorio Emanuele II proclamò ufficialmente la nascita del Regno d’Italia, assumendone il titolo di re per sé e per i suoi successori, con la promulgazione della legge n. 4671 del Regno di Sardegna. Da allora, prima della decisione del 2012, la festa è stata celebrata solo tre volte: nel 1911, nel 1961 e nel 2011.

Anche se rimane un giorno lavorativo, il 17 marzo è considerato un giorno dedicato all’Unità nazionale, una “giornata promuovente i valori legati all’identità nazionale”. Lo scopo è quello di “ricordare e promuovere, nell’ambito di una didattica diffusa, i valori di cittadinanza, fondamento di una positiva convivenza civile, nonché di riaffermare e di consolidare l’identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica”.

In tutta Italia, quindi, ci saranno molte manifestazioni culturali e di memoria storica. Da segnalare la consueta deposizione di una corona di alloro sulla tomba del Milite Ignoto, all’Altare della Patria a Roma. La Giornata è particolarmente sentita dall’Associazione Nazionale Alpini, che come di consueto partecipa attivamente a questa celebrazione, organizzando iniziative locali finalizzate ad informare e coinvolgere i cittadini affinché questa ricorrenza sia davvero una Giornata dell’Unità Nazionale, con l’auspicio di vedere sventolare il Tricolore dalle finestre e dai balconi delle nostre case.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS