PROGETTAVANO ATTENTATI A PARIGI: ARRESTATE QUATTRO PERSONE loro fermi sono avvenuti nel XVIII arrondissement di Parigi e in Seine-Saint-Denis

552
parigi

Momenti di tensione a Parigi, dove oggi sono state arrestate quattro persone, tutte vicine all’islam radicale. Sono stati accusati di preparare attacchi nella capitale parigina, per questo per loro sono scattate le manette. La notizia è stata data dall’emittente francese Tf1 all’indomani della sparatoria che ha fatto salire il livello di allerta a 3 nella vicina Bruxelles. Lo scontro a fuoco nella capitale belga si è verificato in concomitanza di una perquisizione legata alla strage dello scorso 13 novembre. Durante il blitz, nel comune di Forest sono rimasti feriti quattro poliziotti e sarebbe rimasto ucciso uno dei presunti terroristi.

Le persone arrestate dalla polizia francese sono tre uomini e una donna. I loro fermi sono avvenuti nel XVIII arrondissement di Parigi e in Seine-Saint-Denis. Il Dgsi – la direzione generale della sicurezza interna – si sta concentrando soprattutto sulla posizione di uno dei quattro, E: Youssef, un islamista noto al servizio anti-terrorismo. L’uomo, di nazionalità francese era stato condannato a due anni di prigione nel marzo del 2014. Due anni fa, era stato fermato all’aeroporto di Saint Etienne mentre cercava di partire per la Siria insieme ad un complice. E’ stato rilasciato nell’ottobre del 2015, ma costretto ai domiciliari fino al 29 febbraio. Il suo complice è tra gli arrestati di oggi. Durante le perquisizioni di questa mattina, gli investigatori hanno sequestrato dei proiettili di un Kalashnikov, una pistola, dispositivi informativi e di archiviazione dati. Nelle prossime 96 ore, la procura francese stabilirà se il loro fermo potrà essere ulteriormente esteso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS