PESCHERECCIO CINESE SCONFINA NELLE ACQUE DELL’ARGENTINA, LA GUARDIA COSTIERA LO AFFONDA Quattro membri dell'equipaggio, tra cui il capitano, sono stati tratti in salvo dalla prefettura navale di Buenos Aires e arrestati

671
peschereccio

Si rischia l’incidente diplomatico nell’oceano Atlantico meridionale, dove la Guardia costiera argentina ha affondato un peschereccio cinese. Secondo le autorità di Buenos Aires l’imbarcazione di Pechino stava pescando calamari in una zona esclusiva dell’Argentina. La prefettura navale argentina ha dichiarato che la Huan Li 8 è stata intercettata fra le province di Chubut e Rio negro, in Patagonia e, dopo le avvisaglie di rito, gli hanno sparato addosso. Le autorità di Buenos Aires, hanno anche comunicato che dopo i vari colpi di avvertimento, il peschereccio cinese, ha prima spento le luci e successivamente ha deliberatamente cercato l’impatto.

Il peschereccio ha impiegato più di una giornata ad affondare, e la maggior parte del suo equipaggio è stato tratto in salvo da un’altra nave cinese, che lo seguiva. Il dato è anche stato confermato da Pechino che ha sottolineato che i 28 membri dell’equipaggio sono stati salvati da altre navi cinesi nelle vicinanze. Quattro dei suoi marinai, però, compreso il capitano, sono stati salvati dalla guardia costiera di Buenos Aires e arrestati dalle autorità argentine e saranno portati in tribunale a Chubut.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS