CREDEVA DI ESSERE VEDOVO, POI HA VISTO LA MOGLIE IN TV

778
vedovo

Aveva perso la moglie in un incidente automobilistico, ma dopo due anni l’ha ritrovata grazie a un programma televisivo simile al nostro “Chi l’ha visto?”. I protagonisti di questa storia sono Abragh Mohamed e sua moglie, entrambi residenti a Casablanca, Marocco.

Abragh ha sepolto la donna senza avere avuto neanche il coraggio di riconoscere il suo corpo, sfigurato a causa di un grave incidente automobilistico. Ogni giorno, per due anni, l’uomo ha percorso il tragitto casa-cimitero con un enorme peso sul cuore, fermandosi sulla tomba della donna per raccontarle come procedeva la sua vita, ha cercato di trovare un appiglio per andare avanti.

Secondo quanto riportato dal Mirror, una sera come tante, Abragh ha ricevuto la telefonata di un suo caro amico, che quasi non riusciva a spiegargli cosa aveva appena visto. Sua moglie, che tutti credevano morta e sepolta, aveva appena chiamato la segreteria della trasmissione televisiva, raccontando la sua storia e chiedendo aiuto per ritrovare suo marito.

La donna ha spiegato che probabilmente è stata vittima di uno scambio di persona e i suoi vuoti di memoria non le hanno permesso di tornare a casa. Nell’incidente che l’aveva coinvolta erano state ferite più persone, ma la vittima non era lei.

Sempre secondo il Mirror, in questa vicenda potrebbero essere coinvolti anche i medici dell’ospedale dove la donna è stata portata dopo l’incidente: i dottori spiegarono al marito che le condizioni della moglie erano disperate, ma che lui avrebbe dovuto in ogni caso pagare il conto. Abragh, allora, si mise in viaggio verso casa per recuperare i soldi e, una volta tornato in ospedale, trovò la moglie già morta, avvolta in un telo e già nella bara.
L’uomo, felice ma sotto shock, ha dichiarato che non si era reso conto che la donna sepolta non fosse sua moglie. Ora i due potranno finalmente ricongiungersi: “non voglio denunciare nessuno – ha dichiarato Abragh – mi basta riaverla a casa con me”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS