MADRE TERESA DI CALCUTTA: IL 4 SETTEMBRE SARÀ PROCLAMATA SANTA Durante il Concistoro Pontefice ha decretato la canonizzazione di 5 beati, tra i quali Madre Teresa

874
madre teresa

Madre Teresa di Calcutta sarà proclamata santa domenica 4 settembre. Lo ha decretato questa mattina Papa Francesco, durante la celebrazione dell’Ora Terza che si è svolta nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico Vaticano.

Alle ore 10 il Papa ha tenuto il Concistoro ordinario pubblico per la canonizzazione dei Beati, durante il quale è stata decretata anche la canonizzazione del messicano Giuseppe Sanchez del Rio, un laico, martire a soli 15 anni e vittima nel 1928 delle persecuzioni religiose, prevista per il 16 ottobre; di Stanislao di Gesù Maria, al secolo Giovanni Papczynski, vissuto nel 1600 e fondatore della Congregazione dei Chierici Mariani dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, il quale sarà proclamato domenica 5 giugno; di Maria Elisabetta Hesselblad, religiosa svedese e fondatrice della congregazione delle suore dell’Ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida, anche lei proclamata il prossimo 5 giugno.

Sarà inoltre canonizzato Giuseppe Gabriele del Rosario Brochero, figura particolarmente cara a Papa Francesco, il sacerdote diocesano argentino più conosciuto come “Cura Brochero”. La sua proclamazione a santo avverrà il prossimo 16 ottobre. Nel messaggio per la beatificazione , Bergoglio lo definì “un pioniere nell’uscire verso le periferie geografiche ed esistenziali per portare a tutti l’amore, la misericordia di Dio”. Nato nel 1840 nella zona di Cordoba, il sacerdote dedicò la sua vita a alla gente comune e per stare vicino al popolo si spostava per chilometri sul dorso di una mula, attraversando zone disagiate. Morì nel gennaio 1914 a Villa del Transito, che poco dopo fu ribattezzata Villa Cura Brochero.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS