BERGOGLIO CELEBRERÀ LA LAVANDA DEI PIEDI CON I PROFUGHI Saranno i rifugiati e migranti di una struttura romana a partecipare al rito del Giovedì Santo col Pontefice

700
  • English
papa francesco lavanda dei piedi

Papa Francesco ha deciso di celebrare la Messa “in coena Domini” del Giovedì Santo, con il tradizionale rito della Lavanda dei piedi, con i profughi di una struttura romana. Dopo essere stato in un carcere minorile, in un centro per anziani e lo scorso anno nella prigione di Rebibbia, il Pontefice ha deciso quest’anno, per la celebrazione che avverrà il prossimo 24 marzo, di rivolgere uno speciale gesto di attenzione ai rifugiati e ai migranti.

Nelle omelia che il Pontefice tiene ogni mattina a Santa Marta, spesso emerge il tema dei migranti. “Ci farà bene pensare a tanta gente che non ha neppure un’ultima carezza al momento di morire. Tre giorni fa è morto uno, qui, sulla strada, un senzatetto: è morto di freddo – ha detto in una recente riflessione -. In piena Roma, una città con tutte le possibilità per aiutare. Perché, Signore? Neppure una carezza”. Sono tante, “le valli oscure” del nostro tempo. Francesco, più volte ha abbozzato un elenco dolente. E sempre compare la disperazione della gente in fuga come siriani bloccati a Idumeni, al confine tra Grecia e Macedonia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS