YEMEN, SCOMPARSO UN CACCIA EMIRINO. MISTERO SULLA DINAMICA La coalizione a guida saudita conduce raid aerei nel Paese da marzo del 2015

624

Gli Emirati Arabi Uniti hanno fatto sapere che uno dei propri caccia che partecipano alla missione contro i ribelli in Yemen – nell’estremo sud della penisola araba – risulta scomparso. Lo riferisce la “Wam”, l’agenzia di notizie ufficiale del Paese, senza fornire ulteriori dettagli. La coalizione a guida saudita conduce raid aerei nel Paese da marzo del 2015 al fine di riportare a Sana’a il governo legittimo del presidente Abd Rabbo Mansour Hadi dopo l’occupazione della città da parte dei ribelli dell’imam Abdel Malik al Houthi.

Ieri, nello specifico, secondo quanto reso noto da un funzionario militare dello Yemen, aerei da combattimento della coalizione multinazionale avevano lanciato un attacco all’alba contro una roccaforte nella provincia di Aden contro la cellula affiliata ad “al-Qaeda”, uccidendo 15 membri dell’organizzazione terroristica e distruggendo alcuni veicoli. Il velivolo saudita potrebbe dunque essere stato abbattuto dalla controffensiva da terra dei jihadisti, ma il governo di Riad non è ha ancora rivelato ufficialmente la dinamica della sparizione.

L’Arabia Saudita aveva avviato la formazione di un'”alleanza militare islamica” con la missione di combattere il terrorismo in Yemen nel dicembre scorso. Ad annunciarlo era stata la Tv saudita, specificando che della coalizione fanno parte 34 paesi islamici sunniti, tra cui gli Stati del Golfo, un certo numero di paesi africani, Turchia, Egitto, Malesia e Pakistan. Il comando centrale congiunto delle operazioni, aveva aggiunto la televisione, è stato posto a Riad. Nello specifico, accanto all’Arabia Saudita, della coalizione fanno parte Giordania, Emirati, Pakistan, Bahrein, Bangladesh, Benin, Turchia, Ciad, Togo, Tunisia, Gibuti, Senegal, Sudan, Sierra Leone, Gabon, Somalia, Guinea, l’Autorità nazionale palestinese, Comore, Costa d’Avorio, Kuwait, Libano, Egitto, Libia, Maldive, Marocco, Mauritania, Niger, Nigeria e Yemen. L’Indonesia ed altri dieci paesi islamici, secondo il comunicato, avevano manifestato il loro appoggio alla coalizione.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS