IRAQ, L’ISIS ATTACCA KIRKUK CON ARMI CHIMICHE: MUORE UNA BIMBA DI TRE ANNI Tra i 18 feriti anche la madre della piccola. Usato il "gas mostarda", altamente urticante

825

Nuovo orrore perpetrato dall’Isis sulla popolazione inerme dell’Iraq. Nelle scorse ore lo Stato Islamico ha bombardato con armi chimiche due zone nel nord del Paese causando almeno un morto in una località a sud di Kirkuk e tre casi di intossicazione dal “gas mostarda” tra le file delle forze regionali curde, i Peshmerga.

Il gas a base di tioetere del cloroetano, o iprite, è conosciuto anche come gas mostarda per il tipico odore di aglio e senape. L’iprite è un vescicante d’estrema potenza che penetra in profondità nello spessore della cute risultando letale in circa dieci minuti; concentrazioni minori producono gravi lesioni cutanee, dolorose e di difficile guarigione. La notizia degli attacchi arriva proprio mentre i raid Usa contro siti chimici del Califfato nei pressi di Mosul si sono intensificati dopo la cattura del responsabile del programma di armamenti biologici dell’organizzazione terroristica.

Un comandante dei Peshmerga curdi, Lukman Kali citato dalla tv Alaan, ha affermato che nel pomeriggio di venerdì i jihadisti “hanno lanciato 50 razzi con testate chimiche su villaggi a sud di Sinjar”, città a nord-ovest di Mosul liberata lo scorso novembre dalle forze curde dopo essere stata occupata per oltre un anno dagli uomini del califfato. Secondo lo stesso comandante, “ci sono stati tre casi di intossicazione” tra le file dei Peshmerga.

Più grave l’attacco chimico avvenuto a Tazah, località a sud di Kirkuk, dove è morta una bambina di tre anni. “Fatima Smin è morta nell’ospedale di Kirkuk dopo essere stata portata al reparto di medicina legale a causa di una soffocamento intervenuto dopo un bombardamento con razzi che portavano il gas mostarda”. Altre 18 persone sono rimaste ferite; tra queste, anche la madre della piccola. Non si conoscono le condizioni dei feriti. La notizia è stata riportata dal sito curdo-iracheno Rudaw. Taza, località turcomanna, è situata nel governatorato di Kirkuk nel nord est dell’Iraq. La regione conta circa un milione di abitanti ed è uno degli obiettivi del Califfato per la ricchezza dei giacimenti di gas e petrolio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

2 COMMENTS

  1. […] Più grave l’attacco chimico avvenuto a Tazah, località a sud di Kirkuk, dove è morta una bambina di tre anni. “Fatima Smin è morta nell’ospedale di Kirkuk dopo essere stata portata al reparto di medicina legale a causa di una soffocamento intervenuto dopo un bombardamento con razzi che portavano il gas mostarda”. Altre 18 persone sono rimaste ferite; tra queste, anche la madre della piccola. Non si conoscono le condizioni dei feriti. La notizia è stata riportata dal sito curdo-iracheno Rudaw. Taza, località turcomanna, è situata nel governatorato di Kirkuk nel nord est dell’Iraq. La regione conta circa un milione di abitanti ed è uno degli obiettivi del Califfato per la ricchezza dei giacimenti di gas e petrolio. Fonte: Interris […]

Comments are closed.