LE METTE UN AGO NELLA CANNUCCIA E RISCHIA DI UCCIDERLA

616
ago

Avere un collega burlone ha i suoi lati positivi, ma in alcuni casi un semplice scherzo può trasformarsi in un vero e proprio incubo. È quello che è accaduto a una giovane cameriera di un pub di Coleshill, villaggio del Warwickshire, che ha rischiato di morire per uno scherzo da parte di un collega più giovane, ancora adolescente.

Brandon Walker, un ragazzone pieno di inventiva, ha nascosto un ago nella cannuccia della sua collega. Quando la ragazza l’ha utilizzata per bere, si è immediatamente resa conto di avere inghiottito qualcosa di appuntito. La donna ha iniziato a tossire in preda a un attacco di vomito biliare e ha probabilmente pensato che fossa giunta la sua ora.

“Pensavo di morire” ha ricordato la vittima, che ha preferito restare anonima. Immediatamente trasportata in ospedale, la donna è stata soccorsa dai medici, che le hanno rimosso l’ago dalla gola attraverso un’endoscopia.

Brandon è stato condannato a 18 mesi dalla corte di Warwick e il giudice che ha emesso la sentenza ha precisato che il ragazzo non era nuovo a certi scherzi pesanti. Qualche mese prima dell’ago nella cannuccia, aveva inserito uno stuzzicadenti nel cibo di un cliente ed era solito infastidire le colleghe scattandosi selfie con i loro cellulari, senza chiedere prima il permesso. “Ha mostrato una estrema mancanza di giudizio”, hanno detto i giudici.

Non è dello stesso parere l’avvocato del ragazzo, che prima della sentenza ha sperato in una archiviazione del caso: “il mio cliente è consapevole che si è trattato di una questione molto seria. Ha riflettuto su quello che ha fatto e si è dichiarato colpevole”. La riflessione, secondo il tribunale, doveva avvenire prima di fare uno scherzo così stupido.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS