SALVINI CHOC: RITWITTA UN POST DI MINACCE AI GIUDICI

515
salvini

Una leggerezza potrebbe costare caro a Matteo Salvini. Il leader della Lega Nord ha infatti ritwittato dal suo profilo Twitter un post di minacce contro i magistrati, postato da un utente. “Giudici comunisti di merda – si legge nel tweet incriminato – Spariamo a loro prima”. Incautamente Salvini ha condiviso sul proprio account il contenuto del tweet. Questo non significa, ovviamente, che approvi quanto scritto all’interno del post ma di sicuro quella frase è comparsa sul suo profilo provocando reazioni di sdegno da parte delle altre forze politiche.

Francesco Nicodemo, già membro della segreteria nazionale del Pd, ha commentato: “Per la serie i grandi retweet di Salvini. Che vergogna”. Critiche sono arrivate anche da Sinistra Italiana: “Apprendiamo da notizie di agenzia corredate addirittura da screenshoot che il leader della lega ritwitta messaggi deliranti in cui si inneggia a sparare prima ‘ai giudici comunisti di merda’”, ha detto Nicola Fratoianni. “Siamo ben oltre il livello di guardia, ed è necessario che su questa vicenda siano presi gli adeguati provvedimenti ma è anche ora che l’irresponsabile Salvini si fermi e la smetta, pur di raccattare 4 voti, di avvelenare l’italia dando spazio ai deliri più brutali e violenti. Il suo è un gioco irresponsabile e pericoloso”. Resosi conto del vespaio agitato, la notizia era rimbalzata sulle home dei principali quotidiani italiani, Salvini ha rimosso il post e ha poi smentito ogni possibile endorsment al contenuto del post. “Smentisco e condanno nella maniera più ferma e assoluta la frase ‘sparare prima ai giudici’ che mi viene attribuita – ha detto -. Si tratta di un tweet delirante rilanciato per errore dallo staff dai cui contenuti prendo e prendiamo le distanze. Altra cosa è condannare l’atteggiamento del Pd a favore dei delinquenti che per l’ennesima volta rimanda l’approvazione della legge sulla legittima difesa”

 

Troppo tardi, verrebbe da dire.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS