VENDE LA FIGLIA PER COMPRARSI LO SMARTPHONE

685
vende

Vende la figlia online per comprarsi un nuovo smartphone e una moto. È accaduto in Cina, dove A Duan, uno studente appena maggiorenne, ha cercato di vendere una bambina di appena 18 giorni utilizzando una diffusa piattaforma social. Il giovane cinese ha messo in vendita la neonata per poco più di 3 mila euro, una cifra che gli avrebbe permesso di togliersi qualche sfizio e di fare un regalo alla sua fidanzata, la madre della piccola. Non meno grave il comportamento della donna, che non si è opposta alla follia del compagno solo perché non pensava che fosse illegale vendere una bambina su internet.

Secondo lo Xiamen Daily News, il quotidiano che per primo ha raccontato la storia, Xiao Mei ha scoperto di aspettare un bambino quando non aveva ancora compiuto 18 anni e il suo ragazzo non aveva terminato gli studi e non aveva un lavoro. Le grandi difficoltà economiche avrebbero spinto i due giovani a decidere di mettere in vendita la piccola, utilizzando il social network QQ. Sembra impossibile, ma un utente della piattaforma ha risposto all’annuncio e ha iniziato a contrattare sul prezzo, dicendo che “l’acquisto” era destinato a sua sorella.

Resosi conto dell’assurdità della situazione, A Duan si è autodenunciato alla polizia locale che ha immediatamente provveduto ad avvisare le autorità competenti. I due genitori -se così possiamo definirli – sono stati ascoltati dai giudici, i quali hanno condannato il padre della neonata a 3 anni di reclusione e la madre a una pena sospesa di 2 anni e mezzo. La differenza di pena della giovane è stata dettata dal fatto che la ragazza è l’unica della sua famiglia a potersi prendere cura degli anziani genitori e del fratello più piccolo.

La sentenza del tribunale, inoltre, ha clamorosamente stabilito che la bambina potrà rimanere con la sorella del compratore, almeno finché le autorità non troveranno un’altra soluzione. Evidentemente i giudici hanno deciso che comprare un neonato online è un’azione più accettabile rispetto al metterlo in vendita.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS