AUMENTANO LA DONNE MANAGER IN ITALIA, MA POCHE RICOPRONO RUOLI TOP Rispetto al 2015 il dato è cresciuto del 3%. In calo il numero di amministratrici delegate nelle aziende

528
donne manager

Crescono le donne manager in Italia. Secondo il Rapporto del centro studi internazionali Ibr (International Business Center) del network Grant Thornton International rappresentano il 29% delle lavoratrici, con un +3% rispetto al 2015. Un risultato che ci posiziona al decimo posto della classifica mondiale. Il dossier, diffuso in occasione dell’8 marzo, sottolinea tuttavia che a fronte di un trend in crescita delle donne nel management delle aziende, il ruolo di amministratore delegato ha un andamento inverso, le donne sono solo l’11%, nel 2015 era il 14%.

Il 36% delle aziende italiane non ha donne in ruoli di direzione, il dato è in calo rispetto al 40% del 2015. I paesi del G7 rilevano i dato peggiore con solo il 22% dei ruoli senior occupati da donne e il 39% delle imprese senza le donne in ruoli di alto livello. I paesi che hanno rilevato il dato più basso sono il Giappone, con solo il 7% ruoli di alto livello tenuti da donne, e la Germania, con il 15%.

L’Europa orientale e i paesi Asean riportano le più alte percentuali di donne nella leadership al 35% e 34%, rispettivamente, e solo il 16% e il 21% delle imprese con nessuna donna in direzione. La Russia si posiziona in cima alla lista dei singoli paesi con il 45% dei ruoli senior occupati dalle donne, seguita da Filippine a 39%, dove solo il 9% delle imprese non hanno le donne nel top management.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS