MONDO DEL TENNIS SOTTO CHOC: MARIA SHARAPOVA POSITIVA ALL’ANTIDOPING La tennista russa sarà sospesa in via provvisoria con effetto dal 12 marzo in attesa della definizione del caso

575
sharapova

Mondo del tennis sotto choc per la rivelazione di Maria Sharapova, la tennista russa, che durante una conferenza stampa da un hotel di Los Angeles ha dichiarato di essere risultata positiva a un controllo antidoping durante gli Australian Open nel mese di gennaio.

“Ho fatto un enorme errore: ho deluso i miei fan, lasco lo sport che pratico dall’età di quattro anni e che amo enormemente – ha detto la Sharapova, visibilmente commossa -. Non voglio finire la mia carriera così, spero che mi venga concessa una nuova chance”.

L’antidoping ha trovato tracce di un farmaco contro il diabete che contiene il Meldonium, medicinale che la tennista russa ha dichiarato di prendere da dieci anni, su prescrizione del suo medico proprio per curare il diabete. La sostanza è stata inserita nell’elenco di quelle proibite dall’Agenzia mondiale per il doping (Wada), poiché è in grado di incidere sul metabolismo.

Il Meldonium è entrato effettivamente nella black list della Wada il 31 dicembre 2015, dopo che l’Itf – la Federazione internazionale del tennis – ha notificato l’aggiornamento agli atleti il 22 dicembre. La Sharapova ha ammesso di non aver letto la mail: “La colpa è mia, il corpo è mio, la responsabilità è mia. Ho commesso un errore enorme”. Molti atleti russi in questi giorni sono stati trovati positivi allo stesso farmaco (fra di loro l’olimpionica di pattinaggio di figura su ghiaccio Ekaterina Boborova).

La Sharapova rischia ora 2 anni di stop. Ma, considerando 14 anni di carriera immacolata, l’ammissione di responsabilità, il fatto che il divieto esiste da soli 2 mesi e ha “mietuto molte vittime” fra gli sportivi russi, è più probabile una squalifica fra i 3 e i 6 mesi. Intanto, secondo la nota ufficiale dell’ITF. La federazione internazionale del tennis, Maria Sharapova sarà sospesa in via provvisoria con effetto dal 12 marzo in attesa della definizione del caso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS