CONCISTORO: IL 15 MARZO DECRETO DEL PAPA PER 5 NUOVI SANTI Papa Francesco presiederà il Concistoro ordinario pubblico durante il quale saranno canonizzati 5 beati

881
madre teresa

Papa Francesco presiederà martedì 15 marzo, nella Sala del Concistoro del Palazzo apostolico vaticano, la celebrazione dell’Ora Terza e il Concistoro ordinario pubblico durante il quale saranno canonizzati i beati Giuseppe Sánchez del Río, Giuseppe Gabriele del Rosario Brochero, Stanislao di Gesù Maria, Maria Elisabetta Hesselblad; Madre Teresa di Calcutta , per la quale sarà anche indicata la data per la proclamazione di santità.

Giuseppe Sánchez del Río è il piccolo martire messicano ucciso a soli 14 anni, la cui tomba è stata visitata da Bergoglio durante il suo recente viaggio in Messico: fu ucciso il 10 febbraio 1928, gridando: “Viva Cristo Re! Viva la Vergine di Guadalupe!”. Il martirio di questa vittima della persecuzione religiosa provocata dalla nuova costituzione messicana del 1917, fu riconosciuto il 22 giugno 2004 da Giovanni Paolo II. Giuseppe Gabriele del Rosario Brochero, fu un sacerdote dell’Arcidiocesi di Córdoba, in Argentina che condivise la condizione dei suoi fedeli fino ad arrivare a contrarre la lebbra, per aver bevuto dell’infuso di erba mate con alcuni malati. Il prete gaucho è molto venerato in Argentina e lo stesso Papa Francesco lo definì “un pioniere nell’uscire verso le periferie geografiche ed esistenziali per portare a tutti l’amore, la misericordia di Dio”. Stanislao di Gesù Maria fu il fondatore della Congregazione dei Chierici Mariani sotto il titolo dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, creata nel 1600. Maria Elisabetta Hesselblad, fu la fondatrice delle Brigidine e viene ricordata soprattutto per essere stata una straordinaria pioniera del dialogo ecumenico.

Per quanto riguarda Madre Teresa di Calcutta, proclamata beata da Giovanni Paolo II il 19 ottobre del 2003, lo scorso 17 dicembre, papa Francesco aveva approvato il decreto che riconosceva l’intercessione della Beata nel miracolo che ha portato un uomo brasiliano brasiliana, affetto da una grave malattia al cervello, a ottenere nel 2008 una guarigione straordinaria e totale.

 

 

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS