USA, MORTO INVENTORE DELLE EMAIL E DELLA “CHIOCCIOLA” Ray Tomlinson aveva 74 anni e nel 1971 utilizzò il sistema Arpanet, antesignano di Internet, per inviare la prima email

703
email

È morto a 74 anni, per un attacco cardiaco, l’inventore delle email e della “chiocciola”, il segno che indica universalmente un indirizzo di posta elettronica. Un’invenzione che ha cambiato per sempre le nostre vite e il nostro modo di lavorare e comunicare. La notizia del decesso è stata data dalla Raytheon Co., l’azienda per la quale l’uomo lavorava come consulente da diverso tempo, e confermata da alcuni amici dell’inventore.

Ray Tomlinson era un programmatore informatico che, dopo gli studi presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit), nel 1971 ebbe la straordinaria idea di inventare un sistema per inviare messaggi da computer a computer, il sistema Arpanet – che avrebbe poi portato all’invenzione di Internet – introducendo inoltre il segno @ per identificare mittenti e destinatari delle email. Il primo messaggio di posta elettronica- raccontava lo stesso Tomlinson – fu inviato tra due computer posti l’uno accanto all’altro.

La vera diffusione dei messaggi di posta elettronica arrivò, però, circa 20 anni dopo, quando l’espansione di Internet e dei pc tra la popolazione permise anche all’utente medio di utilizzare le email come vero e proprio mezzo per comunicare, soprattutto in ambito lavorativo. Ad oggi, in tutto il mondo ci sono circa 4 miliardi di indirizzi di posta elettronica e ormai le aziende di tutto il mondo – ma anche il settore pubblico – comunicano esclusivamente tramite posta elettronica.

Nel corso della sua lunga carriera, Tomlinson ha ricevuto moltissimi premi e riconoscimenti, ma i suoi collaboratori amano sottolineare il fatto che fosse un uomo molto semplice e modesto, ricordando che lui stesso preferiva parlare a tu per tu con le persone, utilizzando pochissimo le email.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS