COREA DEL SUD-USA: INIZIANO LE ESERCITAZIONI CONGIUNTE

491
army

La Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno dato il via oggi alle annuali esercitazioni militari congiunte. Si tratta delle più imponenti che si siano mai realizzate nella penisola coreana. Le manovre note con i nomi di “Key Resolve” e “Foal Eagle” vedono impegnati 17 mila soldati americani e quasi 300 mila sudcoreani. Poco meno di 320 mila uomini, una volta e mezzo il numero dei militari impiegati nel 2015.

Secondo alcune fonti, si prevede che durante le manovre gli Stati Uniti trasferiscano nella penisola coreana bombardieri “B-2-Spirit”, “B-2 Northrop” ed anche altre armi strategiche. Lo scorso mese, anche se non aveva fornito maggiori dettagli, il ministro della difesa di Seul, Han Min-koo aveva annunciato che quelle del 2016 sarebbero state le manovre più grandi mai fatte, sia per il numero totale di militari impegnati, sia per le tecnologie che sarebbero state messe in campo. Gli Usa hanno portato in Corea anche gli F22, un sommergibile e una portaerei, entrambi a propulsione nucleare.

Le esercitazioni “Key Resolve” e “Foal Eagle”, che si inizieranno lunedì fino al prossimo 30 aprile, saranno le più imponenti da quando l’attacco del torpediniere di Pyongyang contro la nave di pattugliamento sudcoreana ‘Cheonan’ è diventato il motivo per lo svolgimento delle esercitazioni annuali di questo tipo,” — ha riferito oggi il rappresentante ufficiale del ministero.

Durante le esercitazioni verrà anche rafforzato il monitoraggio della Corea del Nord per scongiurare eventuali attacchi preventivi. Ipotesi che potrebbe essere quanto mai reale, soprattutto in luce alla decisione di Pyongyang di rivedere la propria dottrina militare, secondo cui il Paese potrà compiere attacchi preventivi contro i suoi nemici.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS