CYBERCRIME, AUMENTA LO SPIONAGGIO INFORMATICO Reso noto il rapporto Clusit sul 2015: +154% degli attacchi sono a infrastrutture critiche

781
cybercrime

La tecnologia fa passi da gigante nel campo informatico, tuttavia non riesce a proteggere i dati degli utenti. Infatti, è in aumento il cybercrime su tutto il globo: nel 2015 gli attacchi compiuti con finalità criminali hanno segnato un +30% rispetto al 2014. Sale anche il numero (39%) degli hacker compiuti per spionaggio. Sono i dati resi noti dal Rapporto Clusit 2015 presentato a Milano. Il testo evidenzia come cybercrime ed espionage fanno registrare un valore più elevato rispetto agli ultimi 5 anni.

Gli hacker si concentrano soprattutto sulle infrastrutture critiche come centrali elettriche, gasdotti e acquedotti. Pur rappresentando soltanto il 3% degli attacchi a livello globale, lo scorso anno l’incremento in questo comparto è stato del 154% rispetto al 2014. Sono i dati contenuti nel Rapporto Clusit 2015 che evidenzia inoltre come gli attacchi ai servizi online (mail, social network e eCommerce) e al “cloud” hanno registrato un +81%; tra i settori colpiti anche l’Automotive, +67% sul 2014. Secondo Clusit, è compreso tra i 300 mila e i 500 mila dollari al giorno il giro d’affari sul “Dark web”, sistema usato principalmente per la vendita di sostanze stupefacenti, frodi finanziarie, pedo-pornografia e organizzazioni terroristiche come l’Isis.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS