AGGREDISCONO UNA DONNA INCINTA NEL CAMPO ROM, ARRESTATI DUE BOSNIACI i due avevano aggredito a bastonate dei connazionali, a tra cui una donna incinta, per debiti non pagati

516
rom

Gli uomini della Polizia di Stato del commissariato “Spinaceto”, diretto da Moreno Fernandez, hanno arrestato dopo complesse indagini due fratelli bosniaci, H.R. di 40 anni e H.B di 41 anni, entrambi responsabili del gravissimo episodio di violenza consumato all’interno del campo nomadi di Castel Romano la sera del 14 giugno 2015. Per futili motivi, riguardanti debiti non onorati, i due fratelli bosniaci, spalleggiati da altri connazionali, nel giugno scorso, all’interno del “campo rom”, si legge in una nota, con violenza inaudita, avevano aggredito due uomini ed una donna di 28anni in evidente stato di gravidanza, colpendoli con dei bastoni e tentando anche la violenza sessuale nei confronti della giovane connazionale.

La resistenza e le urla della donna, nonché l’arrivo in soccorso di un altro abitante del campo, avevano evitato il peggio. Dopo aver sporto denuncia presso gli uffici del commissariato, la squadra di Polizia Giudiziaria, con non poca difficoltà, nonostante l’omertà generale e l’assenza di collaborazione da parte degli abitanti del campo rom, aveva avviato le indagini e gli accertamenti necessari, giungendo così infine ad identificare e a rintracciare gli aggressori autori del fatto.

Sempre la scorsa estate, nel campo nomadi di Castel Romano, una doppia operazione delle forze dell’ordine aveva permesso di scardinare un sistema che ormai andava avanti da molto tempo. Una settantina di nomadi di nazionalità bosniaca si fingeva povera per poter usufruire degli alloggi allestiti dal Campidoglio per le famiglie rom più disagiate, nonostante fossero tutte famiglie ricchissime con conti correnti da capogiro. L’amministrazione capitolina nel 2014 aveva speso 8 milioni per accogliere le 242 famiglie nei 7 ‘centri di raccolta rom’ distribuiti nei vari quadranti della città ( Via Salaria, Best House Rom, Via Amarilli, Via San Cipirello, Via Torre Morena, Via Toraldo e l’ex Fiera di Roma), con una spesa annua a nucleo familiare di circa 33 mila euro.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS