I DUE TECNICI ITALIANI SONO A ROMA. ORA L’INCONTRO CON I PM

967
  • English
tecnici

A sole poche ore dal loro rientro in Italia, Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, sono stati accompaganti nella caserma dei Ros di Colle Salario, dove verranno interrogati dai pm romani titolari dell’inchiesta sui fatti avvenuti in Libia. LO scopo degli inquirenti è quello di chiarire cosa sia successo durante gli otto mesi che i due tecnici italiani hanno passato nelle mani dei loro rapitori. Inoltre cercheranno di ottenre risposte su come è avvenuta la loro liberazione e proveranno a far luce sulle dinamiche che hanno portato alla morte degli altri due ostaggi, Salvatore Failla e Fausto Piano.

I due italiani sono atterrati all’aeroporto militare di Ciampino, poco dopo le cinque di questa mattina, dopo essere partiti verso le 3.30 dall’aeroporto di Mitiga a Tripoli, a bordo di un’aereo speciale. Sulla pista, ad accoglierli, hannotrovato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, il Generale Giuseppe Governale comandante dei Ros. E poi i loro familiari, che hanno potuto riabbracciarli dopo otto mesi di separazione.

Sono ancora molti i punti oscuri di tutta la vicenda – che ha subito una drammatica accelerazione negli ultimi giorni dopo mesi di silenzio -, a partire dall’identità dei rapitori, dalle modalità della liberazione, fino alla morte dei loro colleghi rimasti uccisi Salvatore Failla e Fausto Piano. Non è ancora chiaro quando le loro salme rientreranno in Italia, al momento ancora in Libia, presumibilmente a Sabrata.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato un messaggio ai familiari di Salvatore Failla e Fausto Piano per far pervenire loro il suo profondo cordoglio per la tragica morte dei loro congiunti in Libia. Il Presidente Mattarella ha inoltre espresso grande sollievo per il rientro in patria degli altri due ostaggi, Filippo Calcagno e Gino Pollicardo, finalmente ricongiunti alle proprie famiglie.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS