NADA CONTRO IL FEMMINICIDIO: ECCO IL VIDEO DI “CANZONE TRISTE” La cantante livornese appare nel video della nuova canzone e racconta una storia che si trasforma in violenza

1096
nada

“Ballata triste”, il nuovo video di Nada, è una canzone dedicata alle tante vittime della violenza contro le donne, quella che ormai viene indicata con il termine “femminicidio”. Il brano è tratto dall’ultimo album della cantante livornese, “L’amore devi seguirlo”, ed è la colonna sonora di un video molto emozionante, ideato e diretto da Lorenzo Kruger dei Nobraino.

Nel videoclip Nada è vestita di bianco, avvolta in una lunga tunica, in una stanza altrettanto candida: l’intento è raccontare una storia d’amore imperfetta, nella quale la coppia non comunica, non si comprende più, non vede uno spiraglio di luce. Due persone che, forse, un tempo si amavano, ma ora una delle due muore proprio per mano dell’altra. “Lei l’han trovata con una mano sulla porta e una sul cuore, sul cuore che si è spaccato quando l’ha colpita, perché nessuno l’ha fermato”, canta Nada nella sua canzone e nel frattempo incede lentamente tra le mura bianche, come lo sono quelle di migliaia di case che diventano, ogni giorno, teatro di omicidi e violenze.

“È un pezzo di cui vado molto orgogliosa – racconta Nada a Il Manifesto – Non mi sono data un compito, non mi sono detta ‘scrivo una canzone sul tema della violenza sulle donne’, ma è uscita spontaneamente. Non riesco a capacitarmi che alla soglia del 2020 accadano ancora tragedie simili”.

L’impegno di Nada nella lotta alla violenza sulle donne non è una novità: già nel 2013 l’artista aveva partecipato – insieme alle sue colleghe Carmen Consoli, Emma, Elisa, Irene Grandi e Gianna Nannini- a una iniziativa benefica a favore del Telefono Rosa. In quella occasione, fu realizzato un videoclip di una nuova versione della canzone “La signora del quinto piano”, che affronta sempre il tema della violenza contro le donne.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS