PRIMARIE CENTROSINISTRA: CHI SONO I 6 CANDIDATI Tra gli aspiranti sindaco, il favorito sembra essere Roberto Giacchetti

656
primarie

“Una festa democratica”, così sono state definite le primarie per il sindaco di Roma dai 6 candidati in corsa. Sono Roberto Morassut, Roberto Giachetti e Stefano Pedica per il Pd, Gianfranco Mascia e Domenico Rossi per il Centro democratico e Chiara Ferraro, candidata outsider affetta da autismo, riuscita a entrare nelle liste grazie al supporto dei del Pd, che ha “donato” le firme in più raccolte per far raggiungere alla candidata il numero minimo necessario per presentarsi alle primarie.

Tra gli aspiranti sindaco, il favorito sembra essere Roberto Giacchetti, vicepresidente della Camera, che ha annunciato la sua candidatura sul suo profilo facebook. “Ci ho messo un po’ di tempo, lo confesso – ha postato Giacchetti- e non solo per un pizzico di paura, che credo sia naturale, ma per una grande forma di rispetto per un impegno che so sarà immenso e gravoso”. Sostenuto dal premier Renzi, Giacchetti ha puntato fin dall’inizio sul rapporto diretto con gli elettori, creando una mail alla quale i cittadini hanno potuto inviare richieste, segnalazioni e lamentele. “Mi piacerebbe se la mia candidatura fosse il modo per far sì che tanti romani riprendano la voglia di partecipare, di impegnarsi per cambiare le cose”.

Sempre per il Pd, il candidato Roberto Morassut, ex assessore della giunta Veltroni, il quale punta tutto su quattro obiettivi fondamentali: dare a Roma un nuovo status, di città metropolitana o di Regione nuova; trovare e utilizzare più risorse, perché “senza quelle non si può far nulla”; un bilancio ristrutturato per fare le cose realmente necessarie alla città; infine, il patrimonio immobiliare, che secondo Morassut deve essere sfruttato in modo più logico ed efficiente.

Ultimo candidato del partito democratico, Stefano Pedica, ex senatore Pd, che si dice aperto a tutti, anche ai 5 Stelle, perché “quando non ce la fai da solo ti devi circondare di persone, anche di altre esperienze politiche, perché se Roma diventa bella diventa bella per tutti”.

Per il Centro democratico, invece, si candida Domenico Rossi, per il quale le priorità della Capitale sono sicurezza, legalità, assistenza, sviluppo e futuro. “Sono sempre stato per 44 anni al servizio del mio Paese, e mi sembrava che fosse l’ora di essere al servizio della mia città. Questo è l’unico scopo per cui mi candido”.

Gianfranco Mascia è invece il candido dei Verdi, il cui programma si basa, essenzialmente, sulla questione ambientale, la tutela del territorio, la lotta allo smog, l’attenzione per i più fragili e la cura degli animali : “in questa città si continua a costruire, quando sarò sindaco si dirà basta al cemento”.

Infine, la candidata Chiara Ferraro, la cui campagna elettorale è stata organizzata e seguita dal padre Maurizio. “Mi chiedono ‘perché non ti candidi tu?’ Perché è diverso. Siamo qui – ha spiegato – perché la costituzione ce lo permette: dice che Chiara può stare qui, nei punti di governance”.

Per quanto riguarda la popolarità sui social, secondo quanto riportato da Ilsocialpolitico.it , sembra che a vincere su tutti sia Giacchetti, che si conferma il candidato più popolare su Twitter e facebook. Giacchetti, inoltre, risulta essere il candidato che interagisce di più con gli elettori, seguito da Morassut. Stesso discorso per Google trend, dove Giacchetti è il candidato più ricercato, a pari merito con Chiara Ferraro.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS