ROCK A POMPEI: ELTON JOHN SI ESIBIRA’ TRA GLI SCAVI La location, il Teatro Grande, fu scelta in passato dai Pink Floyd per girare il video "Live at Pompei"

690
elton john

Tempo di grande musica tra le meraviglie archeologiche di Pompei. Sir Elton John, cantautore e musicista britannico pop-rock classe 1947, si esibirà nella magica cornice del Teatro Grande il prossimo 12 luglio. La data si aggiunge alle altre tappe italiane già annunciate dal baronetto inglese fissate per il 15 luglio a Piazza Colbert a Barolo e per il 16 luglio all’Anfiteatro Camerini di Piazzola sul Brenta inerenti al suo tour mondiale “Wonderful Crazy Night” nel quale presenterà i successi e i grandi classici della sua carriera lunga cinque decadi, oltre ai pezzi del suo nuovo album. Lo seguiranno in tour alcuni componenti storici: Nigel Olsson alla batteria – membro del gruppo originale a tre elementi di Elton – così come il direttore musicale Davey Johnstone alla chitarra, Matt Bissonette al basso, John Mahon alle percussioni e Kim Bullard alle tastiere.

Quello di Pompei si presenta come un evento esclusivo e molto suggestivo: il Teatro Grande, di epoca romana, sepolto dall’eruzione del Vesuvio del 79 e ritrovato a seguito degli scavi archeologici, può ospitare circa 1800 spettatori. Qui nel 1971 fu girato Pink Floyd Live at Pompei, il film documentario del regista scozzese Adrian Maben in cui David Gilmour, Roger Waters, Richard Wright e Nick Mason suonano nel teatro deserto brani come Echoes, One of these days, A saucerful of secrets, Set the Controls for the Heart of the Sun, un’opera che è entrata nella storia del rock. Ancora non ci sono biglietti in prevendita ma al Teatro Grande la capienza è ridotta rispetto ad altre piazze e sarà dunque inevitabile che il prezzo cresca sensibilmente, fino a superare i 100 euro. Ma Pompei è Pompei, e portare il rock tra gli Scavi è una scommessa in cui il soprintendente Massimo Osanna crede molto, soprattutto dopo il discusso restauro del Teatro con l’utilizzo del cemento sulle gradinate che scatenò polemiche mai del tutto sopite.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS