COMUNALI, BERTOLASO: “IL DEGRADO DI ROMA E’ INACCETTABILE” L'ex capo della Protezione Civile: "Va affrontato il problema della prostituzione". Ma sulla sua candidatura il centrodestra è ancora diviso

517
bertolaso

Incurante del “no” di Matteo Salvini alla sua candidatura Guido Bertolaso, forte del placet di Silvio Berlusconi, prosegue la sua campagna elettorale per il Campidoglio. “Il degrado a Roma ha raggiunto dei livelli inaccettabili – ha detto l’ex capo della Protezione Civile a Elleradio –  Nel corso delle prime settimane della mia campagna elettorale ho girato per le strade di Roma e ho avuto modo di vedere tanti corpi in esposizione. Per questo ritengo che vada affrontato seriamente il grave problema della prostituzione nelle strade cittadine “.

Bertolaso cita un punto del suo programma che prevede “un sistema di contrasto della prostituzione sulle strade di Roma attraverso l’utilizzo delle leggi esistenti. Sono rimasto interdetto nel vedere come anche in quartieri residenziali come l’Eur gli abitanti siano costretti, fin dalle ore pomeridiane, a non uscire di casa per evitare che i loro bambini assistano a scene imbarazzanti con prostitute che adescano i clienti”.

Ma la candidatura di Bertolaso continua a non convincere alcuni leader del centrodestra. Secondo Francesco Storace si tratta di un “clamoroso autogol” che rende facile “il gioco di Salvini”. Il leader della Lega, da parte sua, continua a chiedere le primarie per arrivare un candidato unitario. “Mancano tre mesi – ha spiegato Salvini a Omnibus – ci vuole una candidatura serie e unitaria, se il centrodestra candida quattro persone diverse perde, se si candida uno solo vince. Se vogliamo perdere si candidiamo diciotto persone diverse…”.  E a proposito di Bertolaso osserva: “Un candidato condiviso che il primo giorno mi dice che i rom, poverini, vanno aiutati; il secondo giorno che votava Rutelli…il settimo giorno non è più il mio candidato- Quella di Bertolaso non è la candidatura migliore soprattutto alla luce di quel che ha detto dopo esser stato investito”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS