CAMPIDOGLIO, SALVINI BOCCIA BERTOLASO E INVOCA LE PRIMARIE Il leader leghista sull'ex capo della Protezione Civile: "Non è il mio candidato. La Meloni? Andrebbe benissimo"

956
bertolaso

“Il candidato di tutto il centrodestra a Roma non si chiama Guido Bertolaso. Almeno, non è il mio. Se si facesse avanti Meloni il candidato sarebbe lei, per me non ci sarebbe nessun problema”. Il messaggio di Matteo Salvini a Silvio Berlusconi è chiaro: per conquistare il Campidoglio serve un candidato diverso dall’ex capo della Protezione Civile, che non ha sufficiente appeal per i romani.

La soluzione migliore per Salvini sarebbero le primarie, notoriamente osteggiate dall’ex premier. “In 20 giorni si possono fare – ha detto al “Corriere Tv Live” – da qui a Pasqua c’è tempo. Prendiamo il modello del Pd e le facciamo meglio, facciamo primarie meno taroccate”. L’alternativa è trovare un accordo sull’unico nome su cui il Carroccio è disponibile a dire sì subito: Giorgia Meloni.

I dubbi del segretario leghista nascono dalla recente consultazione promossa nella Capitale dalla lista “Noi con Salvini”. Nessuno fra i candidati proposti ha avuto una maggioranza schiacciante. Il più votato è stato Alfio Marchini. Ma sull’imprenditore “calce e martello” Salvini è stato cauto: “Io vorrei capire i programmi, suoi e degli altri, si è parlato troppo di nomi e poco di programmi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS