STING TORNA IN ITALIA: PREVISTI 3 CONCERTI L’artista inglese torna sui palchi più famosi di tutta Europa dopo la pubblicazione del suo ultimo album "The Last Ship"

574
STING

Sting tornerà in Europa questa estate, con il suo “Back To Bass Tour”, il concerto con cui propone i più grandi classici del suo repertorio. Il tour europeo comprenderà tre concerti in alcune delle più importanti location italiane: il 27 luglio Sting sarà alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, il 28 luglio salirà per la prima volta sul palco di Visarno Arena – Parco delle Cascine a Firenze, e il 29 luglio concluderà il tour alla Assago Summer Arena di Milano, nel contesto di Street Music Art, uno dei principali appuntamenti live dell’estate milanese.

L’artista inglese torna sui palchi più famosi di tutta Europa dopo la pubblicazione del suo ultimo album “The Last Ship”, pubblicato a settembre del 2013 e ispirato al suo periodo nei cantieri navali di Wallsand, nel Nord Est dell’Inghilterra, il luogo dove Sting è nato e cresciuto. “The Last Ship” si è successivamente trasformato in un musical di Broadway, per il quale Sting ha ricevuto un Tony Award per il Best Original Score. Sul palco l’arista suonerà per il suo pubblico pezzi ormai divenuti classici, come “Little Wing”, “They Dance Alone”, “Love Is Seventh Wave”, “If You Love Somebody Set Them Free”, nonché i brani più apprezzati del suo ultimo album.

Compositore, cantante, attore, autore e attivista, Sting ha formato i Police insieme a Stewart Copeland e Andy Summers. Da quando si è dedicato alla sua carriera da solista, ha pubblicato 14 album e ha ricevuto altri 10 Grammy, 2 Brits, 1 Golden Globe, 1 Emmy, 3 nomination agli Oscar, il Century Awards di Billboard Magazine, e il MusiCares Person of the Year nel 2004. Nel Corso della sua lunga carriera ha venduto quasi 100 milioni di album, tra album pubblicati con i Police e quelli da solista.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS