TOPI ANTI MINA PER BONIFICARE LA CAMBOGIA Questi roditori possono individuare le mine antiuomo ancora sepolte in soli 11 minuti

650
topi

In Cambogia ci sono ancora 6 milioni di mine inesplose che uccidono e mutilano decine di abitanti delle zone rurali. Per disinnescare questi pericolosi ordigni, il governo cambogiano ha deciso di servirsi dei ratti africani, una specie di topi giganti che è stata importata dall’Africa grazie alla Ong belga Apopo.

Questi roditori riconoscono l’odore del metallo e della polvere da sparo di cui sono composti gli ordigni bellici e possono individuare le mine antiuomo ancora sepolte in soli 11 minuti, mentre una squadra di sminatori umani impiegherebbe circa 5 giorni. Per diventare “artificieri”, questi simpatici topi si sottopongono a un vero e proprio addestramento – organizzato dal Cambodian Mine Action Center – durante il quale vengono utilizzate mine disinnescate. Va specificato che i topi non rischiano la vita perché il loro peso non è sufficiente a innescare lo scoppio di una mina. Per ogni ordigno fiutato, gli operatori regalano al roditore una banana o una nocciolina.

Ogni topo può operare su un’area di 200 mq in 20 minuti circa e il loro fiuto è talmente sviluppato che in Africa vengono utilizzati per riconoscere la presenza del virus della tubercolosi nel corpo umano. Inoltre, queste bestioline non si affezionano ai loro addestratori – cosa che accade invece con i cani – e questo permette agli operatori di alternarsi senza problemi nei turni.

Un coltivatore di un villaggio nel nordest della Cambogia ha dichiarato alla Abc news: “erano anni che non entravo nel mio orto per paura di innescare una mina, per me è meraviglioso poter riprendere a coltivare il mio terreno”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS