GLI ORTODOSSI PALESTINESI E IL DESIDERIO DI UNITA’ DELLE CHIESE CRISTIANE L'arcivescovo Atallah Hanna, racconta il sogno di una data comune per festeggiare la Pasqua e il Natale

513

“Credo che non esista un cattolico o un ortodosso che non abbia il desiderio di vedere un riavvicinamento tra le Chiese, e quello di trovare una data comune per celebrare Pasqua e Natale. Preghiamo Dio che illumini gli spiriti e i cuori per arrivare a questa meta”. Così Atallah Hanna, arcivescovo greco ortodosso di Sebaste, in Palestina, ha voluto indicare uno dei possibili risultati in cui potrebbe concretizzarsi il nuovo impulso all’unità tra cattolici favorito anche dal recente incontro a Cuba tra il Patriarca di Mosca Kirill e Papa Francesco. In un’intervista pubblicata sul sito del Patriarcato latino di Gerusalemme, l’Arcivescovo ortodosso palestinese ha dichiarato di apprezzare la posizione di Papa Francesco che invita a trovare una data comune per la Pasqua, ma ha anche aggiunto che “nella Chiesa Ortodossa, c’è una tradizione che risale ai primi concili ecumenici. E così per introdurre un cambiamento o una modifica a questa tradizione è necessario che sia presa da un Concilio ortodosso che includa tutti i capi delle Chiese ortodosse del mondo”.

Anche il tema, caro a Papa Francesco, della preservazione del creato a favore di una maggior difesa ambientale è un aspetto che avvicina ulteriormente le due principali confessioni cristiane. Sempre in Terra Santa, sono ad esempio in costante aumento le scuole del Patriarcato latino di Gerusalemme che scelgono di dotarsi di pannelli solari per soddisfare il proprio fabbisogno di energia elettrica. L’introduzione dei sistemi di produzione di energia solare – spiegano dal Patriarcato – consente di ridurre le bollette e riutilizzare il denaro risparmiato in attività formative e caritatevoli. Ma l’iniziativa rappresenta essa stessa una grande opportunità per sensibilizzare gli studenti sui temi dell’ecologia e delle energie rinnovabili e dell’abbattimento delle emissioni di anidride carbonica, per un futuro più pulito per tutti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS